Crisi come opportunità: nuovi paradigmi economici e politici per la Sardegna del dopo epidemia

L’auspicio che dalla crisi sanitaria globale riusciremo a trarre qualche insegnamento va sostenuto da qualche idea, da qualche proposta. O almeno dall’indicazione di una prospettiva generale a cui rifarci. La sensazione, molto forte, è che chi può si stia già ri-organizzando per ricavare da questa crisi ulteriori benefici e irrobustire così la propria posizione di…

Continue reading →

Cronache dalla colonia oltremarina ai tempi della pandemia da coronavirus: aggiornamento

Tenere aggiornato il diario della pandemia è un utile sfogo alla frustrazione (lo ammetto), ma è anche un modo per fissare la memoria di quel che accade. La situazione in Italia è pesantemente condizionata dalla scellerata gestione dell’epidemia fatta in Lombardia. La famosa “locomotiva economica del Paese” con la sua “capitale morale” sta dimostrando quanto…

Continue reading →

Coronavirus, internazionalismo, subalternità e studi postcoloniali

L’epidemia di Covid-19 sta suscitando molte riflessioni interessanti e ci sta squadernando sotto il naso le grandi contraddizioni della nostra epoca declinante. Questo, oltre a mettere drammaticamente in luce la stoltezza e la cialtronaggine delle classi dirigenti (in primis quella italiana, e quella sarda al seguito). Eppure, anche laddove si rinvengano ragionamenti fecondi e spunti…

Continue reading →

Il (con)federalismo è la soluzione, non il problema, e non solo in Italia

Una delle questioni ricorrenti dentro il dibattito pubblico sull’emergenza Covid-19 è quella del “regionalismo” italiano come concausa dell’evidente fallimento delle politiche di contenimento del contagio. Che si tratti di fallimento lo attestano i dati – almeno in alcune realtà – e lo indica indirettamente la stessa ricerca compulsiva di capri espiatori e di diversivi. Il…

Continue reading →

Cronache dalla colonia in tempi di pandemia, ennesima puntata

Subito una premessa, così ci togliamo il pensiero. Evitiamo di fare stupidaggini. Le misure prudenziali e preventive sono necessarie. Portiamo pazienza e cerchiamo di non ammalarci e soprattutto di non far ammalare le persone più a rischio (anziani, immunodepressi, ecc.). Tanto lo so che ciascuno di noi ne conosce, quand’anche non appartenga direttamente a una…

Continue reading →

Il lavoro culturale vittima dimenticata dell’emergenza coronavirus

La percezione comune del lavoro culturale è che si tratti di una sorta di hobby a cui sono dedite persone un po’ originali. La produzione di contenuti, di senso, di bellezza, la condivisione di saperi, non sono percepiti come un vero lavoro. Si ha un’idea piuttosto romantica della faccenda, anche condita di una certa invidia,…

Continue reading →

Emergenza coronavirus: la cialtronaggine al potere è sempre più pericolosa

È inevitabile – anche se non piacevole – continuare ad occuparsi dell’emergenza in corso. Bisogna provare a farlo con una dose adeguata di senso critico. Per fortuna si sta facendo in più sedi (per esempio qui, o qui, o – in Sardegna – qui e qui), nonostante lo stigma negativo che spesso viene attribuito a…

Continue reading →

Quello che ci insegna, o che dovrebbe insegnarci, l’epidemia

La Sardegna è un’isola grande, a dispetto dell’autopercezione di molti sardi. È una delle 50 isole più grandi del mondo, la seconda (di poco) del Mediterraneo. Il milione e 600mila abitanti (nominali) che vi risiedono sono distribuiti in modo tutt’altro che omogeneo. La maggior parte dei comuni dell’isola ha meno di 5mila abitanti. I centri…

Continue reading →

Ancora su coronavirus, emergenza, Sardegna e gestione ideologica della crisi

Le epidemie hanno da sempre fatto emergere le peggiori pulsioni della nostra specie. Lo raccontano molto efficacemente tutti gli storici e i narratori che se ne sono occupati, da Tucidide a Camus. Le epidemie fanno anche venire a galla l’insipienza, l’egoismo e le peggiori pulsioni di chi detiene ruoli di potere. Accettare tutte le misure…

Continue reading →