Deposito unico nucleare italiano e risveglio politico in Sardegna

La pubblicazione della mappa dei potenziali siti adatti allo stoccaggio nucleare in territorio italiano ha suscitato una levata di scudi unanime nella politica sarda. Quando l’intero arco politico rappresentato in Consiglio regionale (ossia, NON l’intero arco politico sardo) si esprime così compattamente, di solito dipende dalla sostanziale innocuità della questione affrontata o dalla sua manipolabilità…

Continue reading →

Filosofia de Logu: libro in uscita e raccolta fondi

Il collettivo di studio Filosofia de Logu si appresta, con l’anno nuovo, a uscire col suo primo libro. Una raccolta di undici saggi, che spaziano dalla filosofia all’architettura, dall’estetica alla sociologia e alla storia. L’attività di FdL è del tutto indipendente, senza affiliazioni o patronati, quindi anche senza finanziamenti esterni. Fin qui si è svolta…

Continue reading →

Spettacolarizzazione della storia a fini commerciali e neutralizzazione politica

C’erano Giacobbo, Isabel Russinova, Sgarbi, Solinas e Chessa… Sembra l’inizio di una barzelletta. La parte stereotipata del sardo troglodita ma astuto spetterebbe ai nostri prodi governanti, immagino. Come si vede, però, non ci sono solo loro, nel programma surreale di questo evento. Ci sono il MIBAC, le Soprintendenze sarde (articolazioni locali del medesimo ministero) e…

Continue reading →

Cambiare percorso

di Stefano Puddu Crespellani Dopo la tornata delle municipali in tempo di pandemia, qualche riflessione sullo scenario risultante può essere d’aiuto per orientare l’azione politica nei mesi e anni futuri. Omar Onnis l’ha già fatto con grande puntualità e nettezza sul suo blog SardegnaMondo, in diversi interventi (di recente, qui e qui) che meritano una…

Continue reading →

La politica alternativa fatta con gli stessi mezzi della controparte non è una politica alternativa

In diverse occasioni ho argomentato su queste pagine la sostanziale inesistenza storica della politica in Sardegna. La condizione di subalternità economica e culturale ha impedito negli ultimi due secoli il maturare di dinamiche socio-politiche autonome, situate, pienamente dispiegate. L’essere una porzione territoriale marginale e tributaria di qualcos’altro ha prodotto e perpetuato dinamiche sociali e politiche…

Continue reading →

Il triangolo no: una risposta a Paolo Maninchedda

In un pezzo sul suo blog “Sardegna e Libertà”, Paolo Maninchedda, già assessore ai Lavori pubblici con la giunta Pigliaru e ancor prima presidente di importanti commissioni consiliari in diverse legislature, lancia un appello alla mobilitazione per creare un fronte politico comune, antitetico all’attuale maggioranza in Regione, ma non precisamente coincidente col centrosinistra a guida…

Continue reading →

Il virus non è il nemico: paura, infodemia e autoritarismo ingredienti della distopia in corso

La sensazione di impotenza davanti all’espansione dei contagi da SARS-CoV-2 è forte e si tramuta facilmente in esasperazione, quando non in ricerca di uno sfogo e/o di un capo espiatorio. È normale. Probabilmente non abbiamo ancora visto nulla. Benché ormai alcune cose si sappiano su questo virus, sulla sua contagiosità e sulle sue conseguenze, sembra…

Continue reading →

Quadro politico e prospettive nella Sardegna della pandemia

La crisi della democrazia rappresentativa è uno degli elementi di questo momento storico complicato. Una crisi dovuta al mutamento delle forme produttive e dei rapporti sociali su cui si è fondata, tra Otto e Novecento, questa “realtà immaginata”, in funzione dell’egemonia delle borghesie nazionali. Tale fenomeno assume contorni specifici a seconda del contesto in cui…

Continue reading →