La Sardegna nella crisi globale, ovvero dall’analisi alla proposta

Danilo Lampis ha reso pubblico in Rete un suo saggio dal titolo La Sardegna nella crisi globale tra rischi e prospettive, precedentemente uscito, in forma parzialmente diversa, in una pubblicazione della Fondazione Sardinia. Si tratta di una disamina molto accurata e documentata sulla condizione della Sardegna attuale dentro le dinamiche internazionali, con uno sguardo prospettico…

Continue reading →

L’irresistibile pulsione razzista dei media italiani verso la Sardegna

Un articolo sul giornale (un tempo) progressista La Repubblica parla dell’imminente campagna elettorale sarda e in particolare della rottura di Renato Soru col centrosinistra a guida PD. E, come per magia, spuntano fuori paternalismo fuori luogo, ignoranza crassa e stereotipi razzisti. Non è un caso e non è un caso isolato. Neanche finito di dire…

Continue reading →

Dichiarazione politica-elettorale e qualche riflessione

La campagna elettorale sarda non è ancora ufficialmente iniziata, ma le sue fasi preparatorie sono ormai a uno stadio avanzato. Chiarisco la mia posizione. Come dicevo in un altro post (questo), non intendo parlare della campagna elettorale imminente. Non perché la reputi poco interessante, tutt’altro, ma per correttezza. Sono parte in causa. Dall’anno scorso sto…

Continue reading →

La Sardegna di oggi si racconta al tzilleri e abbatte gli stereotipi

Esce in questi giorni in televisione, sul canale della Radio Televisione Sarda e sul canale UNO4, In su corru ‘e sa furca, fiction scritta da Giacomo Casti, Diego Pani e Davide Melis, prodotta e realizzata da Karel. Una novità nei palinsesti televisivi sardi che, per tanti motivi, merita qualche riflessione. Questo è il lancio su…

Continue reading →

Appropriazioni indebite di un’eredità politica ingombrante

Mi ero ripromesso di non scrivere nulla sulla campagna elettorale già in corso. E tanto meno vorrei parlare di Michela, esattamente come ho evitato di farlo fin qui. Il secondo proposito forse riuscirò a mantenerlo, quasi del tutto. Al primo faccio un’eccezione, ma limitatamente a un aspetto (che però è piuttosto rilevante). Chiedo scusa per…

Continue reading →

Accettare l’inevitabilità dello scontro di civiltà è accettare la fine della civiltà

Infuria la guerra in Palestina, non è cessata quella in Ucraina, altri fronti bellici rimangono aperti in giro per il pianeta, ma l’ossessione delle classi dominanti occidentali è di ribadire la legittimità della propria supremazia e chiamare i propri popoli alla guerra santa contro i nemici dell’Occidente. È una situazione non sorprendente ma non per…

Continue reading →

La rimozione della “questione sarda”

La locuzione “questione sarda”, coniata e impostasi tra fine Ottocento e primo Novecento, per quanto molto usata, soffre di una certa vaghezza semantica, dovuta all’uso non sempre limpido che se n’è fatto nel tempo. In ogni caso è il convitato di pietra di ogni discorso sulla Sardegna. Come tale, suona minaccioso per ogni costruzione teorica…

Continue reading →