La rivolta dell’oggetto e la decolonizzazione dell’immaginario tramite la musica

Esce un nuovo lavoro musicale, in Sardegna, frutto della collaborazione tra due artisti di primo piano della scena isolana e non solo, Mauro Palmas e Francesco Medda. Si intitola Meigama. Meigama, quell’ora del pomeriggio, specie estivo, in cui tutto sembra sospeso, con l’aria che tremola e il cielo che splende in modo eccessivo. Un momento…

Continue reading →

Fusione Perfetta, rivoluzioni passive e nuove chiudende

Il tempo della vita pubblica in Sardegna è scandito da ricorrenze e celebrazioni per lo più tributarie dell’impianto narrativo istituzionale e nazionalista italiano. Ma ci sono altre ricorrenze, molto più significative per la storia dell’isola, che, pur non avendo alcun rilievo pubblico e istituzionale, possono indurci a ragionare sia sul nostro passato sia sul nostro…

Continue reading →

Nazione sarda come concetto storico e teorico, suo uso nel tempo, sua utilità politica attuale

Ricevo da Francesco Casula questo ampio commento al mio ultimo post Indipendentismo, intellighenzia sarda e fraintendimenti colpevoli, da cui è estrapolato il passaggio citato in testa alla dissertazione. Il testo è riportato integralmente così come l’ho ricevuto. Subito appresso, la mia replica. ——————————————————————— La nazione sarda nella storiadi Francesco Casula Sostenere, come fanno molti esponenti…

Continue reading →

Indipendentismo, intellighenzia sarda e fraintendimenti colpevoli

È raro ma ricorrente che qualche testata giornalistica italiana di primo piano dedichi un minimo di spazio al tema dell’indipendentismo sardo. Di norma, quando succede, emerge il pressapochismo, il paternalismo e lo sfondo razzista del discorso. L’effetto sull’opinione pubblica sarda è pressoché nullo, salvo che nella comunità social degli indipendentisti, da cui di solito emergono…

Continue reading →

L’importanza vitale del dissenso

A pandemia ancora in corso, si susseguono gli incontri internazionali dedicati al problema del cambiamento climatico e al dissesto ecologico del pianeta. In entrambe le questioni esiste una forte contrapposizione tra “apocalittici e integrati” e tra conformisti e dissenzienti, su cui però la politica e l’informazione spesso operano in termini semplificatori e deformanti. Sulla questione…

Continue reading →

Iniziano le grandi manovre e non promettono nulla di buono, ovvero provincializing PD

Come sempre, allo scollinamento di metà legislatura, iniziano le grandi manovre di assestamento del sistema di potere sardo, in vista delle prossime elezioni regionali. È una dinamica complicata, ma non incomprensibile, solo che si disponga di quel minimo di informazioni e dello sguardo allenato necessari a leggere il senso di azioni, dichiarazioni, posizionamenti tattici. Dal…

Continue reading →

Dalla gestione pandemica alla repressione del dissenso: come funziona il governo dell’emergenza permanente

Una cosa è stata segnalata per tempo, da chi ha osservato con sguardo critico l’intera gestione della pandemia: la rapida e profonda assuefazione a sottometterci a misure governative eccezionali. Non è un buon segnale. Chi ha cercato fin da subito di mantenere, nei limiti del possibile, un certo distacco scettico rispetto alla narrazione egemonica, ha…

Continue reading →

Sviare l’attenzione per dominare meglio

Dove si concentra l’attenzione dell’opinione pubblica sarda? A cosa danno rilievo i mass media? Cosa vogliono che guardino i cittadini e le cittadine dell’isola? E cosa non vogliono che si guardi coloro che dettano loro (ai mass media) l’agenda? Mi è capitato parecchie volte, su SardegnaMondo, di far riferimento alle partite strategiche e ai problemi…

Continue reading →