La covid-19, la crisi e i limiti della nostra specie

Non è la covid-19 a generare la crisi, bensì il contrario. La percezione secondo cui sia l’epidemia a generare sconquassi economici e sociali è ingannevole, È l’effetto dell’infodemia (ossia dell’epidemia di informazione ossessivo-compulsiva) e della nostra incapacità di guardare alle cose in una prospettiva storica. Non ci siamo evoluti per affrontare questo genere di situazioni….

Continue reading →

Respiro corto, sguardo miope, afonia

Interessante articolo sulla Nuova online di pochi giorni fa. Una sorta di intervista a più voci in tema di federalismo e di riforme istituzionali a più livelli. Coinvolti nel dibattito lo storico Gian Giacomo Ortu e i noti politici sassaresi di lungo e lunghissimo corso Gianfranco Ganau e Beppe Pisanu. Tutti e tre molto critici…

Continue reading →

Sardegna come parco per turisti e insularità in costituzione: quando la fantasia al potere è pericolosa

Una mattina qualsiasi d’autunno, su un canale radio RAI la trasmissione di servizio Ondaverde comunica che sono segnalati dei rallentamenti sulla Strada Statale 131. Dove, di preciso? Tra “San Lussorio e Abba(s)santa” (così, con la “s” sorda). Sull’errore di pronuncia possiamo sorvolare. Sulla fantomatica esistenza di un posto denominato San Lussorio, no, dato che appunto…

Continue reading →

Inadeguata risposta all’emergenza covid-19 e questione sarda

Mentre nel mondo, Italia compresa, si parla di “seconda ondata” della pandemia di covid-19, la Sardegna conosce la sua prima espansione del contagio. Era tutto abbastanza prevedibile (e previsto): un’isola sostanzialmente covid free fino a maggio, una volta spalancate le porte al flusso turistico, si ritrova a fare i conti con la diffusione del virus….

Continue reading →

La politica della miseria, la miseria della politica

Di come il panorama politico e mediatico sardo sia inquinato da leghismi, razzismi ed altre immondizie e di quanto sia necessario contrastarne l’azione, prima che sia troppo tardi. Seguire i fatti della cronaca quotidiana e soffermarsi ad analizzarli può essere un esercizio futile o addirittura controproducente, se ciò va a discapito della comprensione dei fenomeni…

Continue reading →

Il popolo sbaglia sempre, specie quello sardo

Quel che colpisce molto, in tutta la discussione sulla riforma costituzionale approvata definitivamente col voto del 20 e 21 settembre, è la natura e il contenuto della discussione stessa, soprattutto in Sardegna. È come se questa riforma costituzionale rivelasse una confusione di fondo e una certa vaghezza negli obiettivi e prima ancora nella percezione della…

Continue reading →

Referendum costituzionale: una doppia trappola su cui ragionare

Il dibattito sul prossimo referendum costituzionale non appassiona il grande pubblico. Non c’è da stupirsene e non è nemmeno il tema che vorrei affrontare in questa disamina. Meglio però riassumere prima di tutto di cosa si tratta. Il parlamento, con entrambe le sue camere, ha approvato in doppia seduta, ma NON con la maggioranza qualificata…

Continue reading →

Passare sulla terra leggeri, ma non troppo: in ricordo di Sergio Atzeni

Il 6 settembre del 1995 moriva Sergio Atzeni, ghermito da un mare amato ma inevitabilmente insensibile. Mi aspettavo che, nella ricorrenza del quarto di secolo da quella tragica fine, la sua figura venisse ricordata con più enfasi, più diffusione e anche con maggiore acribia critica rispetto al solito. E magari non solo in Sardegna. Qualcosa…

Continue reading →

Pedine sacrificabili

La scuola – quella pubblica e democratica – è una variabile dipendente, nelle scelte politiche strategiche. Non ha un ruolo decisivo ed anzi è un’entità potenzialmente pericolosa. Come tale va resa organica all’ordine costituito dei rapporti di forza e delle relazioni sociali, quindi debilitata nelle sue funzioni educative ed emancipative. A questo compito si sono…

Continue reading →

La politica non esiste

L’epidemia di covid-19 ha messo in evidenza un dato storico che probabilmente era già chiaro da alcuni anni: la politica non esiste più. La “realtà immaginata” chiamata “politica”, emersa dalla Modernità europea e consolidatasi nel corso dell’epoca contemporanea, ha mostrato tutta la sua inadeguatezza a un mondo ormai diverso da quello in cui si è…

Continue reading →