Riassuntone di due anni difficili e una sbirciata sul futuro. Terza parte: e la Sardegna?

Il passaggio da 2021 e 2022 non sarà più drammatico di altri, per la Sardegna. Tante cose sembrano la stanca ripetizione di fatti e andamenti già visti e vissuti. Con sempre meno ottimismo (posto che ce ne sia mai stato). La pandemia, di nuovo al centro delle cronache, non sembra suscitare più la stessa emozione…

Continue reading →

Riassuntone di due anni difficili e una sbirciata sul futuro. Seconda parte: la deriva

A due anni dall’inizio della pandemia, con tutte le altre questioni aperte, c’è da chiedersi a cosa diavolo abbiano pensato fin qui le classi dirigenti mondiali e in particolare quella italica. Mi pare chiaro, a questo punto, che la classe dominante italiana non stia pensando a risolvere la pandemia salvaguardando la maggior parte possibile di…

Continue reading →

Riassuntone di due anni difficili e una sbirciata sul futuro. Prima parte: il grande complotto

Magari ci fosse davvero un Grande Complotto in atto! Sarebbe tutto più semplice e persino rassicurante. Invece la faccenda è più complicata e difficile da riassumere in un quadro comprensibile. Ci sono correnti profonde, nei fatti umani, processi complessi che hanno in sé una sorta di inerzia, come se si trattasse di una massa molto…

Continue reading →

La negazione della subalternità, la normalizzazione del razzismo antisardo

Il caso Mesina riporta a galla, con una naturalezza che è già di suo significativa, l’attitudine alla razializzazione della comunità sarda da parte di tutto l’establishment politico e mediatico italiano e la sua interiorizzazione da parte delle persone sarde. Non è solo una questione di toni e di parole, di un problema meramente comunicativo. Se…

Continue reading →

La lente deformante della subalternità

È complicato commentare la circostanza di uno sciopero generale dichiarato in Italia e celebrato pedissequamente in Sardegna, senza imbattersi in contraddizioni imbarazzanti. Lo sciopero generale proclamato da CGIL e UIL ha molte ragioni dalla sua parte, di sicuro molte di più di quelle che compaiono nella piattaforma su cui lo sciopero è stato chiamato. La…

Continue reading →

Aggiornamento: due interviste e un libro in uscita

Doveroso aggiornamento su cose successe ultimamente e annuncio della prossima uscita del mio nuovo libro. Comincio da un’intervista rilasciata a Marco Santopadre, giornalista esperto di politica estera e di etno-regionalismi (autore, tra le altre cose, di La sfida catalana. Cronaca di una rivoluzione incompiuta). Giorni fa ne è uscita una versione sintetica sul giornale basco…

Continue reading →

La rivolta dell’oggetto e la decolonizzazione dell’immaginario tramite la musica

Esce un nuovo lavoro musicale, in Sardegna, frutto della collaborazione tra due artisti di primo piano della scena isolana e non solo, Mauro Palmas e Francesco Medda. Si intitola Meigama. Meigama, quell’ora del pomeriggio, specie estivo, in cui tutto sembra sospeso, con l’aria che tremola e il cielo che splende in modo eccessivo. Un momento…

Continue reading →

Fusione Perfetta, rivoluzioni passive e nuove chiudende

Il tempo della vita pubblica in Sardegna è scandito da ricorrenze e celebrazioni per lo più tributarie dell’impianto narrativo istituzionale e nazionalista italiano. Ma ci sono altre ricorrenze, molto più significative per la storia dell’isola, che, pur non avendo alcun rilievo pubblico e istituzionale, possono indurci a ragionare sia sul nostro passato sia sul nostro…

Continue reading →

Nazione sarda come concetto storico e teorico, suo uso nel tempo, sua utilità politica attuale

Ricevo da Francesco Casula questo ampio commento al mio ultimo post Indipendentismo, intellighenzia sarda e fraintendimenti colpevoli, da cui è estrapolato il passaggio citato in testa alla dissertazione. Il testo è riportato integralmente così come l’ho ricevuto. Subito appresso, la mia replica. ——————————————————————— La nazione sarda nella storiadi Francesco Casula Sostenere, come fanno molti esponenti…

Continue reading →