I nodi vengono al pettine: rapporti diseguali, sguardo coloniale e propaganda nel post covid-19

La querelle di questi giorni riguarda le relazioni tra Sardegna e Lombardia, a proposito dell’imminente stagione turistica. Il presidente Solinas cerca di non pestare troppi piedi importanti (in primis quelli dei suoi mandanti leghisti) e al contempo di proteggersi le terga da eventuali responsabilità nel caso di una nuova fiammata epidemica in Sardegna. In tempi…

Continue reading →

Filosofia de Logu, gruppo di lavoro e ricerca per la decolonizzazione del pensiero e della cultura in Sardegna

È sorto un gruppo di lavoro e di ricerca multidisciplinare che ha preso il nome di Filosofia de logu. Ne fanno parte studiosi e attivisti, dentro e fuori dall’accademia, provenienti dall’ambito delle scienze umane, sociali e filosofiche. Il nostro intento è quello di sviluppare un approccio di ricerca non subalterno e forme di concettualizzazione libere…

Continue reading →

I rischi dell’emergenza sanitaria non sono solo quelli sanitari, nella Sardegna coloniale

È possibile che da qui a qualche tempo emergano le potenti contraddizioni e le manipolazioni su vasta scala che hanno accompagnato l’epidemia di covid-19. Sui dati e sui numeri “ufficiali” è quasi impossibile imbastire oggi ragionamenti definitivi, se non assumendo uno sguardo critico e il più possibile lucido sugli aspetti non strettamente epidemiologici. In quest’ultimo…

Continue reading →

Una renta bàsica universale e inconditzionada comente medida mègius pro sa cultura (e pro totucantos)

A pustis de l’àere postadu in sa bortadura italiana, propòngio sa bortadura in sardu puru de su manifestu pro una renta bàsica universale, essidu a campu in Catalùnia sa chida colada. Est unu problema mannu chi tocat totus sos logos e totus sos pòpulos, in una manera o in un’àtera, e prus de totu sos…

Continue reading →

Reddito universale incondizionato e ambito culturale: una risposta strutturale per la crisi da covid-19 e per il futuro

Dalla Catalogna arriva un documento reso pubblico il 4 maggio scorso e sottoscritto da centinaia di esponenti del mondo della cultura in tutte le sue declinazioni, a favore del reddito universale incondizionato come soluzione strategica e permanente. È una proposta seria e ponderata, che poggia su una riflessione ormai pluridecennale tornata alla ribalta in queste…

Continue reading →

I 50 anni dello scudetto del Cagliari e la questione sarda: un articolo per menelique

Esce oggi su menelique un mio pezzo sull’epopea del Cagliari di Gigi Riva, a cinquant’anni dal suo primo e unico scudetto. Non per rovinare la festa – già rovinata di suo dall’emergenza covid-19 – bensì per celebrare quell’evento, così significativo sul piano dell’immaginario collettivo, senza però rinunciare alla contestualizzazione storica e alla riflessione. Nell’articolo sono…

Continue reading →

Quel che è stato fatto, quel che resta da fare: inettitudine e interessi opachi nella gestione sarda dell’emergenza covid-19

Ieri sera è stata finalmente emessa l’ennesima ordinanza del presidente della giunta regionale Solinas a proposito della fantomatica Fase 2. Non c’è traccia di un’elaborazione in proprio e di una prospettiva che si discostino dalla piatta esecuzione, in termini persino più prudenti, delle disposizioni governative centrali. Se si spoglia tutta l’azione della giunta regionale dalla…

Continue reading →

Informazione e propaganda in Sardegna: l’emergenza covid-19 e una discussione necessaria

Non so se avrei scritto qualcosa sul tema, se non fosse stato per l’orrido video firmato giunta Solinas, uscito oggi. Si intitola “La Sardegna è più forte” ed è stato lanciato con tanto di hashtag (urgente, proprio) sulla pagina Facebook della RAS (non chiedetemi di linkarvela qui, andatevela a vedere di là). Un montaggio di…

Continue reading →

Ricorrenze divisive: il 25 e il 28 aprile tra tentativi di normalizzazione e conflitti sociali e politici in corso

Il dirigente del polo liceale di Alghero, con una circolare, proclama che gli unici giorni di legittima sospensione delle attività scolastiche quest’anno saranno il 25 aprile e il primo maggio. Nessuna traccia del 28 aprile, pure festività prevista nel calendario scolastico regionale, ossia l’unica fonte ufficiale che faccia testo in materia. Quali siano le motivazioni…

Continue reading →