A chi tocca?

Se si osserva con distacco e nel suo complesso la situazione della Sardegna, non solo appaiono in tutta la loro dimensione le nostre magagne e diventa evidente la loro natura strutturale, ma sorge spontanea la domanda sulle ragioni di tanta assurdità fatta storia.

Continue reading →

La vana lezione della storia

Su SardegnaQuotidiano del 2 agosto viene riportata una intervista concessa al Mattino di Napoli dall’armatore Aponte, uno della congrega che ha acquistato la Tirrenia, garantendosi il pacco di milioni destinato alla “continuità territoriale” tra Sardegna e Italia. Pare che Aponte, magnate delle crociere e delle navi porta-conteiner, abbia serenamente dichiarato di infischiarsene dei sardi o […]

Continue reading →

Conseguenze

L’Italia è in procinto di affrontare una gravissima crisi finanziaria, frutto sia delle scelte deleterie della sua classe politica degli ultimi trent’anni sia di un funzionamento dei meccanismi di bilancio, di credito e debito e di verifica degli stessi,  imposti da FMI, Banca Mondiale e da ultimo BCE. Si tratta di meccanismi tecnici fondati sulle […]

Continue reading →

Accecati e perduti

Il caso del caro traghetti è entrato a fatica e in grave ritardo nell’agenda politica sarda, dando la stura a trionfalismi del tutto mal riposti (su idee scopiazzate, per altro) e persino a impeti nazionalisti alquanto incongrui. Il presidente della regione, ad esempio, dichiarava ieri di sperare di sentire presto sui traghetti da e per […]

Continue reading →

Il continente è isolato

Come sanno bene coloro che dovranno spostarsi da o per l’Isola nelle prossime settimane, una delle piacevoli novità del 2011 è il sensibile rincaro dei trasporti via mare. Moribonda e ormai in svendita la Tirrenia, gli armatori privati rimasti padroni delle rotte non ci hanno pensato due volte a ritoccare al rialzo i loro listini. […]

Continue reading →