L’asino sardo è un bugiardo

Grandi polemiche a proposito di verybello.it, sito di promozione cultural-turistica del ministero dei beni culturali italico, in connessione con EXPO 2015. Non parlo delle polemiche relative al nome prescelto (“verybello” in effetti grida vendetta al cielo), ma di quelle scoppiate nella provincia oltremarina sarda. È venuto fuori che nei percorsi consigliati nel sito manca totalmente […]

Continue reading →

Pal noi no v’à middhòri…

Terminata la visita di re Giorgio, si può fare un consuntivo di questa due giorni carnascialesca. Con un ribaltamento simbolico molto significativo (e replicato ad abundantiam caso mai non fosse chiaro il messaggio), la classe dominante di podatari che governa per conto terzi la Sardegna ha cancellato tutto ciò che di anche solo vagamente problematico […]

Continue reading →

Lettera aperta al presidente italiano

Egregio presidente Napolitano, Lei si appresta a visitare la Sardegna con tutti i crismi dell’ufficialità, come rappresentante dell’Italia unita. Quell’Italia cui la Sardegna appartiene formalmente. Saprà sicuramente che questo non è un bel momento per noi sardi. Oddio, negli ultimi duecento anni è difficile trovare dei momenti veramente belli, per noi. Ma diciamo che in […]

Continue reading →

Salvarsi dalle semplificazioni interessate

Se la cronaca sostituisce lo sguardo storico diventa molto difficile capire quel che succede. Anche quel che succede a noi. La complessità del mondo non è afferrabile con le categorie semplificatrici dell’informazione quotidiana, tanto meno quando essa è bulimica e ridondante come in questi tempi nevrotici. O piegata a interessi opachi.

Continue reading →

Oltre il limite

Ci sono molte domande da fare e da farsi a proposito di quanto succede in Sardegna in questi giorni. L’impressione infatti è di essere risucchiati in un vortice di nonsenso più potente del solito. Forse l’urgenza del reale, la forza intrinseca dei fenomeni storici in corso, è così grande che ad essa deve corrispondere una […]

Continue reading →

Lo sguardo distorto

Qualche giorno fa, a Uri (SS), si è tenuto un interessante convegno a proposito della questione linguistica sarda. Di tanto in tanto anch’essa riemerge alla superficie dell’informazione di massa. D’altronde, la discussione pubblica sul tema è sempre in agenda, sia pure in modo carsico, nonostante sembri poco rilevante in confronto agli altri problemi del nostro […]

Continue reading →

La percezione di sé

C’è un nesso tra il fatto che Passavamo sulla terra leggeri di Sergio Atzeni sia pubblicato in arabo e l’esibizione (pare compromessa dalla pioggia) delle “frecce tricolori” a Cagliari? E tutto ciò ha a che fare con il divario sempre più evidente tra i problemi reali dei sardi e il colpevole fatalismo – non si […]

Continue reading →