Egemonia culturale e nazionalismo tra Italia e Sardegna

Quando si prova a raccontare la storia della Sardegna contemporanea a interlocutori italiani, c’è sempre una reazione di incredulità e spesso di rifiuto. Incredulità e rifiuto sono direttamente proporzionali al grado di istruzione dell’interlocutore e crescono in presenza di specifiche competenze storiche. Questo avviene anche nel caso che l’interlocutore sia sardo, ma non si sia […]

Continue reading →

Uno sguardo nostro sul mondo: la Sardegna e la politica internazionale

Uno degli elementi indicativi della nostra condizione provinciale subalterna è l’assenza dal dibattito pubblico sardo dei temi internazionali. Ciò che trova spazio a livello di mass media è totalmente filtrato dall’organizzazione delle informazioni e del sapere italiana (giornali, tv, esperti di politica estera). Il che implica che anche lo sguardo con cui guardiamo alle cose […]

Continue reading →

La politica sarda e la questione dell’autodeterminazione dopo le elezioni

Il post elezioni in Sardegna non sembra aver suscitato particolari riflessioni, tanto meno analisi ponderate e opportunamente contestualizzate. Al solito, inutile aspettarsi qualcosa dalla stampa sarda, per altro largamente schierata a favore della compagine di “centrosinistra” e del candidato Massimo Zedda. La sconfitta di quest’ultimo, a dispetto di tale sostegno mediatico (e di un certo […]

Continue reading →

L’asino sardo è un bugiardo

Grandi polemiche a proposito di verybello.it, sito di promozione cultural-turistica del ministero dei beni culturali italico, in connessione con EXPO 2015. Non parlo delle polemiche relative al nome prescelto (“verybello” in effetti grida vendetta al cielo), ma di quelle scoppiate nella provincia oltremarina sarda. È venuto fuori che nei percorsi consigliati nel sito manca totalmente […]

Continue reading →

Pal noi no v’à middhòri…

Terminata la visita di re Giorgio, si può fare un consuntivo di questa due giorni carnascialesca. Con un ribaltamento simbolico molto significativo (e replicato ad abundantiam caso mai non fosse chiaro il messaggio), la classe dominante di podatari che governa per conto terzi la Sardegna ha cancellato tutto ciò che di anche solo vagamente problematico […]

Continue reading →