Tancas serradas a muru…

L’Unione sarda di avantieri ospitava un articolo di fondo di Nicolò Migheli (poi ripreso in vari siti web) sull’imminente acquisizione, da parte di due società non sarde, di diciassettemila (17’000) ettari di terreni agricoli da destinare alla coltivazione di canne. Utilizzo finale? La produzione di biomasse da bruciare.

Continue reading →

Col nostro consenso

Negli ultimi giorni si sono succeduti alcuni fatti significativi, che suggeriscono quale sarà lo scenario prossimo venturo in Sardegna e quali saranno le dinamiche che lo animeranno. A Capo Frasca si è tenuta la grande manifestazione nazionale (nazionale sarda, precisiamo) contro le servitù e l’occupazione militare: un successo su cui in pochi avrebbero scommesso. Altro […]

Continue reading →

Mortiferi inquinamenti

Da qualche giorno le pagine della Nuova Sardegna ospitano il lancio promozionale di una collana di libri, prossimamente allegata al giornale. La collana si intitola Le guerre dei sardi e consta di diversi volumi dedicati alla presunta abilità guerresca della nostra genia. Nella presentazione che ne fa Manlio Brigaglia si illustrano i contenuti dei vari […]

Continue reading →

Tutela, dipendenza, responsabilità

Tre circostanze contemporanee e apparentemente slegate tra loro ci forniscono una sintesi esaustiva del circolo vizioso deprimente di cui siamo progionieri. A sud dell’isola, presso Capo Teulada, si svolgono esercitazioni della NATO in grande stile. Niente di nuovo, si dirà, ci siamo abituati. Vero, ma non per questo è diventato più acettabile.

Continue reading →

Tutti bravi a sopportare i mali altrui

Riprendo la massima di La Rochefoucauld a proposito di quel che succede in Palestina e della sua relazione con la Sardegna. Gli attacchi israeliani alla Striscia di Gaza sono talmente violenti, crudeli e sanguinosi che nemmeno la propaganda filo-israeliana veicolata senza filtri dai mass media mainstream riesce ad attenuarne l’ingiustificabilità. Indignarsi è giusto, mobilitarsi anche, […]

Continue reading →

Lutto fuori luogo

Ancora una volta si piange la morte dell’autonomia regionale sarda. Il governo italiano deve raschiare il fondo del barile, per non toccare i privilegi e i patrimoni della classe dominante italica, e non può esimersi dal mettere le mani sul bottino rappresentato dalle fiscalità delle autonomie regionali. Niente di sorprendente, in fondo. Tanto meno in […]

Continue reading →

La servitù come destino

Negli stessi giorni in cui molti sardi si illudevano di avere detto una parola forse definitiva su centrali atomiche e depositi di scorie, il governo italiano predispone una nuova corvè militare per la Sardegna. La costa ovest dell’Isola, da Sant’Antioco all’Argentiera, dovrebbe essere disseminata di grandi radar a microonde, con un raggio operativo di 50 […]

Continue reading →

La Sardegna sotto tiro: il poligono del Salto di Quirra

Articolo uscito sul num. 21 di PaginaUno, feb – mar 2011 ————————————————– La storia: cosa e quando Il 1956 è un anno citato nei libri di storia contemporanea per la rivolta ungherese o per l’eccezionale nevicata che ne caratterizzò l’inverno. Nessun libro di storia racconta però che quello stesso anno venne inaugurato uno dei poligoni […]

Continue reading →