Racconto: Cando si pesat su bentu

Parigi, primavera 1801 L’Esule guardava fuori dalla finestra, aperta su un panorama diseguale di case, fumo e cielo color indaco. Soppesava le parole appena sentite, le legava ad altre, le connetteva a immagini: una piazza stracolma di folla esultante; un campo desolato con le tracce fresche di uomini, animali e carri; l’oscurità di un bosco […]

Continue reading →

Parole sbagliate costruiscono un mondo sbagliato

Domenica scorsa è uscito il tredicesimo fascicolo della Storia della Sardegna a fumetti, pubblicata dall’Unione Sarda. L’opera è curata e scritta da Bepi Vigna, uno dei massimi autori sardi di fumetti, che si è avvalso della collaborazione alle matite di una schiera di ottimi illustratori nostrani. Fin qui tutto bene, l’idea è ottima, l’obiettivo è […]

Continue reading →

Segnali tragicomici del mutamento di fase

A perorare la causa delle famose Cinque domande al re di Sardegna, nel 1793, fu mandato tra gli altri Gerolamo Pitzolo, uomo distintosi nell’impresa di organizzare e guidare la vittoriosa resistenza allo sbarco francese del febbraio di quell’anno (tra poche settimane saranno 220 anni tondi). Pitzolo si trattenne a Torino per alcuni mesi. Al suo […]

Continue reading →

Libertà, uguaglianza, appartenenza

E’ uno strano cortocircuito teorico quello generato dalla concomitanza tra due anniversari così diversi come il 14 luglio francese (1789, presa della Bastiglia) e il ricordo della morte di Antoni Simon Mossa (avvenuta il 14 luglio 1971). Eppure una data assurta a simbolo di libertà e riscatto sociale ha un nesso abbastanza evidente con le […]

Continue reading →

Smemoratezza offensiva

Mentre nei giorni scorsi si progettava, con sprezzo del ridicolo a dir poco stupefacente, una passeggiata di stampo patriottardo italico in quel di Oristano (e di Nuoro, ricordiamolo), a nessuno dell’intellighenzia sarda, di quella che egemonizza il sapere storico in Sardegna, è venuto in mente di ricordare invece un fatto vero, nostrano, significativo. Mi riferisco […]

Continue reading →

La festa, la storia, il senso di sé

Ho come la sensazione che a molti dispiaccia sotto sotto che anche quest’anno ci tocchi celebrare la ricorrenza del 28 aprile. Sa Die de sa Sardigna in questo momento sembra essere più un intralcio che un’occasione. Uno scomodo richiamo alla consapevolezza che in tempi di estrema debolezza economica, sociale e culturale disturba chi ha tutte […]

Continue reading →

Sa di’ de s’acciappa

Ed eccoci qui, a celebrare per l’ennesima volta sa Die de sa Sardigna. Ricorrenza che forse meriterebbe più attenzione e più consapevolezza, e molta meno retorica. Ma oggi c’è un aspetto della faccenda che mi ronza nella scatola cranica. Leggo (sul IlGdiSardegna di oggi, versione Sud) che l’assessore alla cultura (!?) di Cagliari, tale Nonsocosa […]

Continue reading →