Dietro il feticcio

A margine delle manifestazioni di sollievo e grande gioia per la liberazione di Rossella Urru e dei suoi colleghi, è giusto segnalare – come ha fatto tempestivamente Alberto Masala – alcuni aspetti della vicenda che si legano, a mio avviso, a un altro evento molto meno rilevante fuori della Sardegna (ma forse anche sull’Isola): una […]

Continue reading →

Non è mai troppo tardi per scoprire l’acqua calda

Nella legge finanziaria che il consiglio regionale ha licenziato pochi giorni fa, tra le tante mancanze, una dovrebbe saltare agli occhi, se non fosse così poco significativa per i più. Ancora una volta si sacrifica il settore culturale. Lasciamo perdere gli spiccioli racattati all’ultimo per evitare la chiusura delle biblioteche (tra cui mi piace ricordare […]

Continue reading →

Lingue tagliate, lingue biforcute, lingue salvate

Con un ritardo che non può non essere doloso il governo italiano ratifica la Carta europea sulle minoranze linguistiche. Una decisione dai profili solo formali, dato che in Italia esiste già in materia la Legge 482 del 1999, sufficiente a garantire tutti gli effetti previsti nella Carta. L’importanza simbolica della decisione però è innegabile.

Continue reading →

Lo sguardo distorto

Qualche giorno fa, a Uri (SS), si è tenuto un interessante convegno a proposito della questione linguistica sarda. Di tanto in tanto anch’essa riemerge alla superficie dell’informazione di massa. D’altronde, la discussione pubblica sul tema è sempre in agenda, sia pure in modo carsico, nonostante sembri poco rilevante in confronto agli altri problemi del nostro […]

Continue reading →

Ancora sulla questione linguistica

Sull’ultimo numero di Limes si parla di lingue. Tra gli altri, c’è un articolo di Alessandro Aresu sul sardo e soprattutto sul significato della lingua sarda in termini politici e identitari. È un buon articolo. Se non altro, intellettualmente onesto. Soffre di quella perniciosa sindrome che hanno tutti i sardi quando parlano di sé rivolgendosi […]

Continue reading →

Peli sulla lingua

Ancora una volta, a margine del dibattito su rinnovo dello statuto regionale e prospettive indipendentiste, è emersa la questione della lingua sarda. Per esempio in questo articolo di Alfonso Stiglitz, con relative polemiche al seguito.

Continue reading →

Stringente attualità

Questo, ciò che succede oggi e ciò che seguirà potrebbero essere giusto il preludio di ciò che ci aspetta nel prossimo futuro. Non solo in Sardegna, beninteso. La crisi finanziaria mondiale (di cui non si capisce se sia finita o no) è solo un aspetto di una crisi di sistema che non ha ancora mostrato […]

Continue reading →

Educazione cinica

Recentemente il Comune di Nuoro ha deciso di aderire ad una campagna di sensibilizzazione governativa circa le elezioni europee. Si tratterebbe di convincere i giovani sardi tra i 17 e i 30 anni a non disertare le urne in occasione del prossimo rinnovo del Parlamento di Strasburgo. Iniziativa di per sé meritoria e contemporaneamente velleitaria, […]

Continue reading →

Poi uno si chiede il perché…

Informazioni poco pubblicizzate, ma senz’altro notevoli e agghiaccianti. Che spiegano tante cose. Non che sia una rivelazione clamorosa. L’Italia, paese cattolico, con una cultura elitaria ed escludente a lungo basata su una lingua incomprensibile ai più, ha una tradizione, in questo senso.

Continue reading →