Chi decide per noi e perchè?

In cosa consista l’accordo tra stato italiano e stato francese sul nucleare, in buona parte (quella più sostanziosa e concreta) non lo sapremo che a cose fatte. Però qualcosa è già dato sapere, o almeno capire. Non si tratta di nulla di edificante. E non ha a che fare con vantaggi collettivi per i cittadini […]

Continue reading →

Perché non possiamo non parlare di scuola

Anche in Sardegna, sembra con qualche motivo di sorpresa, comincia a manifestarsi in tutta la sua evidenza quella che può definirsi una delle vere emergenze sociali, culturali, politiche ed economiche di questi tempi. Benché altre fanfaluche, abilmente propalate, occupino più facilmente le prime pagine dei notiziari, non si può negare che la destrutturazione sistematica e […]

Continue reading →

Chiacchiere atomiche e altre amenità

Si parla con una certa insistenza (ma non sui media sardi a maggiore diffusione) della possibilità che la Sardegna debba ospitare nei prossimi anni una o più centrali nucleari, previste nei progetti del governo italiano. La notizia più concreta al riguardo, uscita su un giornale locale (ILSardegna del 5 marzo scorso) fa riferimento all’audizione in […]

Continue reading →

L’ostinazione della libertà

Mentre nel mondo i venti di guerra si intensificano (fronte afghano, irakeno e iraniano su tutti), un momento di democrazia sfuggito al controllo dei padroni del vapore sancisce la bocciatura del famigerato e misconosciuto Trattato di Lisbona da parte di uno dei popoli della cara vecchia Europa, quello irlandese. Intanto, in Italia si fanno leggi […]

Continue reading →

Rigurgiti e miasmi

Brutta aria, entro i confini dello stato italiano. Non sono solo le puzze assortite di immondizia ad avvelenare l’atmosfera, ma anche il fetore di rigurgiti ben identificabili. Ciò che non è stato digerito e metabolizzato, nella storia come nel corpo umano, tende a riproporsi. Magari ha l’aspetto un po’ diverso, ma la sostanza è la […]

Continue reading →

L’anniversario

Si celebra (un po’ in sordina, visti i chiari di luna) il sessantesimo anniversario della Costituzione repubblicana italiana. Un’ottima carta fondamentale, per vari aspetti. Contestualmente ci sarebbe da celebrare anche la promulgazione delllo Statuto speciale della regione sarda, ma non sembra che la ricorrenza susciti grande trasporto emotivo. Non nelle istituzioni, men che meno nella […]

Continue reading →