Circonvenzione d’incapace

Ci sarebbe forse da trarre qualche considerazione interessante, dalla campagna elettorale in corso, specie se messa a confronto con gli eventi, in qualche caso straordinari, che ne hanno condito l’andamento. È come se realtà contingente, processi profondi e mero intrattenimento si intrecciassero in una narrazione caotica e in apparenza senza punti di riferimento, eppure, a […]

Continue reading →

Il dovere di scegliere

Una delle narrazioni egemoniche di questi tempi dipinge la politica come sostanzialmente inutile o addirittura dannosa, condanna in massa i partiti politici e tende a ridimensionare le istituzioni rappresentative, tanto a livello globale, quanto a livello locale. Un esempio chiaro è stata la campagna contro le province, messa in atto nell’ambito italiano lo scorso anno […]

Continue reading →

L’editto delle chiudende

Nel 1816 il console francese in Sardegna annotava in una relazione sullo stato dell’Isola quanto gli sembrasse sorprendente che una terra “al centro della civiltà europea” e chiaramente dotata di diverse risorse fosse in condizioni tanto penose. Ne individuava le ragioni principali in tre elementi patologici: il governo (i Savoia, insomma), la chiesa e il […]

Continue reading →

Segnali

Mentre attendiamo con trepidazione i risultati dei ballottaggi elettorali, non sarà male mettere insieme alcune notizie di questi giorni, per trarne qualche riflessione. Sappiamo tutti (vero?) che il senato italiano ha licenziato ieri la sua versione di una delle leggi più marcatamente autoritarie e antidemocratiche della storia (breve e fragile) della repubblica italica. Sarà un […]

Continue reading →

Chi decide per noi e perchè?

In cosa consista l’accordo tra stato italiano e stato francese sul nucleare, in buona parte (quella più sostanziosa e concreta) non lo sapremo che a cose fatte. Però qualcosa è già dato sapere, o almeno capire. Non si tratta di nulla di edificante. E non ha a che fare con vantaggi collettivi per i cittadini […]

Continue reading →

Perché non possiamo non parlare di scuola

Anche in Sardegna, sembra con qualche motivo di sorpresa, comincia a manifestarsi in tutta la sua evidenza quella che può definirsi una delle vere emergenze sociali, culturali, politiche ed economiche di questi tempi. Benché altre fanfaluche, abilmente propalate, occupino più facilmente le prime pagine dei notiziari, non si può negare che la destrutturazione sistematica e […]

Continue reading →