La memoria e il rispetto

Probabilmente a molti sardi avrà fatto piacere la vista della Brigata Sassari in testa al corteo militare del 2 giugno. Una festa della Repubblica italiana davvero fuori luogo e anche alquanto inquietante, se solo si pensa alle condizioni della festeggiata.

Continue reading →

L’ignoranza di sé genera mostri

Regolarmente, in occasione del trittico di festività tra 25 aprile e Primo maggio, si generano in Sardegna cortocircuiti politici significativi. L’inserimento tra la celebrazione italiana (il 25 aprile) e quella internazionale (il Primo maggio) di una festività tutta sarda (il 28 aprile, Die de sa Sardigna) fa emergere tutte le contraddizioni e i controsensi della […]

Continue reading →

Conseguenze pratiche dei falsi miti

Ci sono dei problemi macroscopici molto concreti che toccano la vita dei sardi, sia nel loro variegato insieme sia come singole categorie sociali o anche come famiglie e come individui. Tali problemi sembrano per lo più insolubili e spesso ci fanno compagnia da tutta la vita e persino da generazioni. L’irresolubilità, sembrerebbe, è uno dei […]

Continue reading →

Questione di genere e diritti civili: tema estromesso dall’agenda culturale e politica sarda

La recente sentenza della Corte di Cassazione italiana sulle adozioni alle coppie omosessuali ha scatenato reazioni di vario segno sui mas media e nell’opinione pubblica. Un po’ meno il problema del femminicidio e della violenza di genere, che comunque rimane un tema caldo, sia pure sotto traccia. A occhio tuttavia non sembra che queste questioni […]

Continue reading →

Autoriduzione a cliché e deresponsabilizzazione

Emilio Lussu (Armungia, 4.12.1890 – Roma, 5.3.1975) Tra le tante cose che succedono, sembrerà di ben poca importanza l’incontro chiesto dai parlamentari sardi al ministro dell’Interno, su iniziativa del deputato PD nonché docente universitario di lungo corso Guido Melis. Scopo dell’abboccamento, sensibilizzare il ministro (o la ministra che dir si voglia) sul problema degli attentati […]

Continue reading →

Libertà, uguaglianza, appartenenza

E’ uno strano cortocircuito teorico quello generato dalla concomitanza tra due anniversari così diversi come il 14 luglio francese (1789, presa della Bastiglia) e il ricordo della morte di Antoni Simon Mossa (avvenuta il 14 luglio 1971). Eppure una data assurta a simbolo di libertà e riscatto sociale ha un nesso abbastanza evidente con le […]

Continue reading →

Lo specchio deformante

In questi giorni ritornano in auge temi e luoghi comuni relativi alla nostra presunta identità sarda. Un apparato di dispositivi di dominio scatta in automatico appena c’è da spiegare qualche fatto  significativo e si chiamano in causa le nostre ataviche magagne: dal pocos locos y mal unidos, all’invidia endemica, ai mali derivati da isolamento e […]

Continue reading →

Sacrificio sbagliato

Fuori dal circuito mediatico dominato dalla televisione, non ha mancato di suscitare discussioni la decisione dell’Ufficio scolastico regionale di organizzare insieme alle forze armate un’iniziativa di propaganda militare: far spedire ai ragazzi delle scuole medie una lettera di Natale ai soldati sul fronte afghano. Un modo come un altro per inculcare l’idea malsana che siamo […]

Continue reading →

Irresolutezze

Un editoriale di Giovanni Maria Bellu, su Sardegna24, solleva la questione della nostra identità irrisolta, mettendola opportunamente in relazione con un episodio di cronaca apparentemente minimo, ma decisamente significativo da vari punti di vista.

Continue reading →