Autoriduzione a cliché e deresponsabilizzazione

Emilio Lussu (Armungia, 4.12.1890 – Roma, 5.3.1975) Tra le tante cose che succedono, sembrerà di ben poca importanza l’incontro chiesto dai parlamentari sardi al ministro dell’Interno, su iniziativa del deputato PD nonché docente universitario di lungo corso Guido Melis. Scopo dell’abboccamento, sensibilizzare il ministro (o la ministra che dir si voglia) sul problema degli attentati […]

Continue reading →

Simboli e feticci

Il giorno dopo la finale dei campionati europei, pur sempre una partita di calcio in fondo, i mass media sardi enfatizzano in particolare la delusione dei sardi per la sconfitta della nazionale italiana. Delusione e tristezza che difficilmente le stesse persone in Sardegna sono abituate a provare per questioni decisamente più vicine a loro e […]

Continue reading →

La sindrome del telespettatore

Tutti lì a seguire in tv gli sviluppi della crisi di governo italiana, a rimirare in stato di catatonia la congrega di cariatidi reazionarie che ha sostituito il circo di Arcore come se fosse un’epifania divina. Dico a noi, noi sardi italiani speciali. Che cavolo avrete da starvene lì incantati? Volete assistere in diretta al […]

Continue reading →

La rettifica dal meccanico, non sul mio blog

Tra i tanti pesi derivanti dall’essere cittadini italiani, senza per altro poter godere di alcuno dei possibili vantaggi annessi, c’è anche la disgrazia di soggiacere a leggi idiote e/o pericolose e/o antidemocratiche. Ecco perché mi sento coinvolto a pieno titolo nella campagna contro l’ennesima legge censoria e para-fascista ideata dalla fervida fantasia della combriccola berlusconiana […]

Continue reading →

La risposta sbagliata

Non so se qualcuno ci abbia fatto caso. Forse siamo anestetizzati dal continuo bombardamento mediatico e intorpiditi dall’incrudelimento delle forme di socializzazione dominanti. Mi pare però del tutto evidente che, insieme alla crisi economica, un’altra crisi ci stia catturando nelle sue spire soffocanti: quella della violenza. Non si tratta tanto di una crescita statistica dei […]

Continue reading →

Pubblico o privato

Come spesso succede per le cose veramente importanti, ad un dibattito  serio e argomentato circa i nuovi media informatici si sostituisce ormai quasi sempre un chiacchiericcio pettegolo e mal fondato, alimentato da settori economici e culturali che vedono in internet o un pericoloso concorrente commerciale, o una minaccia per il proprio ruolo egemonico, o entrambi. […]

Continue reading →

Quando si dice: TV spazzatura…

Poche settimane fa, nella ridente città storica di Bosa (costa occidentale della Sardegna) l’azienda che gestisce lo smaltimento dei rifiuti ha proceduto alla sostituzione dei classici cassonetti per l’immondizia. Per cause ignote (ma di sicuro attribuibili ad una organizzazione non proprio efficientissima) per alcune ore i bosani, noti per la loro pazienza, sono rimasti senza […]

Continue reading →