Lingua e musica in Sardegna

Il testo che segue è stato redatto insieme al mio amico Giulio Pala, torpeino, maestro di launeddas e da lungo tempo studioso di tradizioni musicali sarde. E’ uscito – con qualche modifica non concordata e corredata da note biografiche parziali – su una pubblicazione del Ministero dell’Istruzione italiano, all’interno di un progetto dedicato alle minoranze […]

Continue reading →

Dietro il feticcio

A margine delle manifestazioni di sollievo e grande gioia per la liberazione di Rossella Urru e dei suoi colleghi, è giusto segnalare – come ha fatto tempestivamente Alberto Masala – alcuni aspetti della vicenda che si legano, a mio avviso, a un altro evento molto meno rilevante fuori della Sardegna (ma forse anche sull’Isola): una […]

Continue reading →

Lo sguardo distorto

Qualche giorno fa, a Uri (SS), si è tenuto un interessante convegno a proposito della questione linguistica sarda. Di tanto in tanto anch’essa riemerge alla superficie dell’informazione di massa. D’altronde, la discussione pubblica sul tema è sempre in agenda, sia pure in modo carsico, nonostante sembri poco rilevante in confronto agli altri problemi del nostro […]

Continue reading →

Peli sulla lingua

Ancora una volta, a margine del dibattito su rinnovo dello statuto regionale e prospettive indipendentiste, è emersa la questione della lingua sarda. Per esempio in questo articolo di Alfonso Stiglitz, con relative polemiche al seguito.

Continue reading →

La questione linguistica sarda: qualche riflessione

Passa il tempo, ma la questione linguistica sarda non cessa di essere attuale. A chi riteneva (o auspicava) che i nuovi media rendessero obsoleto il problema per… estinzione spontanea dell’oggetto (il sardo), tanta pervicacia del medesimo nel sopravvivere e nel perpetuarsi anche nelle forme della modernità deve sembrare un sortilegio. Eppure la tanto arcaica, povera, […]

Continue reading →

Di cosa si parla quando si parla di Sardegna (2. Sardegna e Italia)

Quando si parla di Sardegna in ambiti teorici generali (in un testo storico, in una trasmissione televisiva, in un dibattito letterario, ecc.) ci si imbatte facilmente in eufemismi, in definizioni vaghe al limite dell’insignificanza, in imbarazzanti tentativi di “politicamente corretto”, che di solito rendono confuso il discorso o, spesso a dispetto delle intenzioni, ne accentuano […]

Continue reading →