Raccontarci storie, raccontarci storia

Gli studi storici hanno un risvolto metodologico e teorico che ne certifica lo status di disciplina scientifica, ma hanno anche un aspetto narrativo che ne contraddistingue gli esiti concreti. L’aspirazione alla credibilità e a un posto preminente nel novero delle scienze umane ha sempre animato gli storici contemporanei, facendo preferire loro l’insistenza sul primo fattore, […]

Continue reading →

Grazia Deledda, emblema di un equivoco storico

Ricorre oggi l’anniversario del conferimento del premio Nobel a Grazia Deledda, nel 1926, evento tanto evocato quanto bistrattato della nostra memoria collettiva. Il riconoscimento internazionale pare aver fatto più male che bene alla considerazione diffusa della scrittrice nuorese, trattata spesso come un’usurpatrice di fama immeritata, o – dai sardi – come una traditrice della sua […]

Continue reading →

L’eterno ritorno dell’uguale

In giorni difficili e confusi bisognerebbe cercare di elaborare la complessità e renderla intellegibile, anziché aumentare la confusione. Invece all’inerzia dei podatari che governano la Sardegna per conto terzi si risponde con azioni inutili e controproducenti, come l’occupazione delle aule consiliari dei comuni o il blocco delle strade. Come se sabotare la già carente attività […]

Continue reading →

Recensione: ALESSANDRO DE ROMA, Il primo passo nel bosco, Nuoro, Il Maestrale, 2010

Cosa c’è di interessante, di letterariamente interessante, nella vita di due coniugi di mezza età, non particolarmente avvenenti, agiati ma non ricchissimi, provinciali quel tanto che basta per non avere ambizioni superiori alle proprie possibilità, abitanti in un quartiere residenziale da reclame, alla periferia della grande città? Apparentemente nulla, verrebbe da pensare.

Continue reading →