Democrazia, lavoro, libertà

La democrazia non è mai la prima opzione, in presenza di disparità economiche e sociali. Può essere il male minore, per chi detiene il controllo delle risorse e delle informazioni, ma solo in presenza di una minaccia peggiore. Viceversa, non esiste ragione al mondo per cui una classe dominante dovrebbe sceglierla. Gli esempi sono superflui. […]

Continue reading →

Salvarsi dalle semplificazioni interessate

Se la cronaca sostituisce lo sguardo storico diventa molto difficile capire quel che succede. Anche quel che succede a noi. La complessità del mondo non è afferrabile con le categorie semplificatrici dell’informazione quotidiana, tanto meno quando essa è bulimica e ridondante come in questi tempi nevrotici. O piegata a interessi opachi.

Continue reading →

Oltre il limite

Ci sono molte domande da fare e da farsi a proposito di quanto succede in Sardegna in questi giorni. L’impressione infatti è di essere risucchiati in un vortice di nonsenso più potente del solito. Forse l’urgenza del reale, la forza intrinseca dei fenomeni storici in corso, è così grande che ad essa deve corrispondere una […]

Continue reading →

Vertenza Alcoa e crisi dei modelli dominanti: il dibattito è aperto

Il dibattito suscitato dalla (ennesima) vertenza Alcoa è stato animato recentemente da uno scambio di vedute, sulle pagine dei giornali, tra Francesco Pigliaru (economista, ex assessore regionale della giunta Soru), Antonello Cabras (senatore, ex presidente di regione, ecc., PD) e Paolo Maninchedda (presidente della Commissione Autonomia in consiglio regionale, PSdAz). I punti di vista sono […]

Continue reading →

Il coltello nella piaga

Sembra brutto rinfacciare ora che era già tutto scritto, che l’avevamo detto da un pezzo. Parlo della chiusura dell’ALCOA a Portovesme. Quel che ci sarebbe da fare è chiedere conto ai sindacati e alle forze politiche della loro sostanziale complicità in tutta la squallidissima operazione. Perché chi rappresenta i lavoratori e i cittadini sardi si […]

Continue reading →

Vasi di coccio e teste di…

I segnali della portata di questa sconvolgente transizione storica, in cui siamo chiaramente immersi, non sembrano scalfire l’andamento quotidiano della politica nostrana. Benché scossa dagli esiti elettorali e referendari, la classe dominante che mantiene opportunamente la Sardegna in condizioni di impoverimento economico e sociale non pare rendersi conto di quanto sta succedendo, né avere la […]

Continue reading →

Per chi, per che cosa

Sciopero generale indetto dalla CGIL. Manifestazioni anche in Sardegna, con polemiche da parte degli altri sindacati. Piattaforma rivendicativa? Mah, grosso modo le stesse cose degli ultimi vent’anni. Lo sciopero più che una risposta alla crisi ne sembra un sintomo. Impotenza, scarsa capacità di elaborazione, miopia, nessuna prospettiva realistica per l’oggi e per il domani sono […]

Continue reading →

Esperimenti

È necessario occuparsi di una questione italiana, ma che ha risvolti e significati ulteriori, che ci riguardano sia in quanto abitatori del mondo, sia in quanto sardi. Mi riferisco al referendum tra i lavoratori della FIAT di Mirafiori, Torino. L’Italia in qualche misura è sempre stata, nella sua breve storia politica, una sorta di laboratorio. […]

Continue reading →

Rinascita abortiva

Mentre i sindacati manifestano a Oristano per invocare un nuovo Piano di Rinascita, a Ottana, una delle sedi della meravigliosa applicazione di quelli già realizzati, emergono drammaticamente i loro esiti ultimi. Una paradossale e mai così tempestiva smentita di ogni premessa e argomentazione a loro sostegno. Nella notte, due attentati violenti e spietati contro la […]

Continue reading →