Il coltello nella piaga

Sembra brutto rinfacciare ora che era già tutto scritto, che l’avevamo detto da un pezzo. Parlo della chiusura dell’ALCOA a Portovesme. Quel che ci sarebbe da fare è chiedere conto ai sindacati e alle forze politiche della loro sostanziale complicità in tutta la squallidissima operazione. Perché chi rappresenta i lavoratori e i cittadini sardi si […]

Continue reading →

Rivoluzione

Pare che la metà della ricchezza degli italiani sia appannaggio di un decimo della popolazione. Niente male come redistribuzione. Poi dice che stiamo meglio che nel medioevo! Cari miei, le ricadute “espansive” (per dirla con Gramsci) della rivoluzione borghese e dell’imposizione universale della logica del capitale sono belle che finite da quarant’anni. Quello che serve […]

Continue reading →

Accecati

Sappiamo tutti ciò che sta succedendo nel Golfo del Messico. Un disastro di proporzioni apocalittiche e dalle conseguenze difficili da quantificare, ma certamente gravissime e di lungo periodo.

Continue reading →

Anime prigioniere

Nella puntata di ieri della nota trasmissione RAI Annozero, tra le altre cose si è parlato della lotta condotta da alcuni dipendenti della Vinyls di Porto Torres. La famosa faccenda dell’Isola dei cassintegrati, formato mediatico di successo.

Continue reading →

La crisi non esiste

Crisi, etimologicamente parlando, non è una parola dall’accezione prettamente negativa. Indica un momento o uno stato in cui esistono almeno due possibilità. Ha la stessa radice di crinale, di critica, ecc. Eppure è un termine ormai entrato nell’uso e profondamente radicato nell’immaginario collettivo come sinonimo di problemi, solitamente grossi. Un vero feticcio mediatico, in gran […]

Continue reading →

Faber est suae quisque fortunae

Facciamo attenzione a quel che succede, gente, perché se ne vedono delle belle! Tra oggi e martedì prossimo il governo italico deciderà sulla sorte del comparto industriale petrolchimico sardo. Il presidente della giunta regionale, con tutto il suo innato carisma, si presenterà oggi stesso a Roma, a pietire dai padroni della derelitta bagnarola italica – […]

Continue reading →

Siamo sicuri?

Ieri è successo un incidente sul lavoro. Sono morte tre persone. È successo nella più grande raffineria del Mediterraneo. Il complesso industriale è di proprietà della famiglia milanese dei Moratti. La società cui fa riferimento tale complesso industriale è la SARAS.

Continue reading →