Raccontarsi, essere raccontati, essere

Do un passaggio a una signora marocchina. Si lamenta del fatto che nessuno si sia nemmeno fermato a sentire cosa volesse, lì allo stop, lungo una strada di raccordo con la statale, tra Pergine e Trento. Attribuisce la circostanza al razzismo degli italiani (in generale), poi a quello dei trentini in particolare. Io spiego che […]

Continue reading →

Pedagogia dell’inattualità

Siamo immersi in un campo di forze narrative estremamente complesso e articolato. La capacità di assorbimento di informazioni del nostro cervello si è evoluta in centinaia di migliaia di anni per rispondere a mutamenti anche repentini, per escogitare soluzioni concrete a situazioni diverse, senza poter ricorrere alla forza bruta o alla velocità o ad altre […]

Continue reading →

Horror vacui

Che non siano tempi facili, lo sappiamo tutti, chi più chi meno. Quel che colpisce è il meccanismo complesso con cui i vari elementi economici, sociali e culturali che concorrono a formare la realtà storica in cui viviamo siano visibili e in larga parte compresi da molti, e nonostante questo si stenti non dico a […]

Continue reading →

Lo specchio deformante

In questi giorni ritornano in auge temi e luoghi comuni relativi alla nostra presunta identità sarda. Un apparato di dispositivi di dominio scatta in automatico appena c’è da spiegare qualche fatto  significativo e si chiamano in causa le nostre ataviche magagne: dal pocos locos y mal unidos, all’invidia endemica, ai mali derivati da isolamento e […]

Continue reading →

Irresolutezze

Un editoriale di Giovanni Maria Bellu, su Sardegna24, solleva la questione della nostra identità irrisolta, mettendola opportunamente in relazione con un episodio di cronaca apparentemente minimo, ma decisamente significativo da vari punti di vista.

Continue reading →

Chi vive sperando…

La diffusa percezione, quasi istintiva, della gravità del momento, corroborata dalle notizie che i mass media italiani riversano confusamente sulla popolazione, produce uno stato di stordimento sospeso, un’anestesia delle capacità di giudizio. È come se per un attimo ci si chiedesse se davvero ci troviamo nel bel mezzo di questo marasma, nella speranza recondita che […]

Continue reading →

Manipolazione ideologica

Tutto quello che pensiamo, crediamo, professiamo ha un’origine fuori di noi. Non esiste sentimento, opinione o scelta che discendano dalla nostra volontà e dalla nostra sfera individuale. Come animali sociali, e animali sociali che hanno sviluppato un linguaggio verbale, le nostre stesse percezioni sono il risultato di vari elementi per lo più esogeni, originati fuori […]

Continue reading →

Qualcuno che ci salvi

Nonostante tutto quello che già fanno indefessamente per la Sardegna, due assessorati della giunta Cappellacci – quello dell’istruzione e quello dell’ambiente – hanno trovato il tempo e le risorse per patrocinare un evento di beneficenza. Un’iniziativa organizzata dalla Coca Cola (sì, proprio quella) e destinata a finanziare “un progetto di riqualificazione dei parchi urbani della […]

Continue reading →

Tutto quel che sai sulla Sardegna è falso

I sardi non si conoscono, non sanno chi siano, non sanno ubicarsi nel tempo e nello spazio. Certamente questo fenomeno antropologico (ben degno di studi appositi) ha cause complesse e stratificate, ma possiamo riassumerle tutte nel quadro dell’egemonia culturale che ha conformato il nostro immaginario collettivo e i nostri processi di identificazione nel corso degli […]

Continue reading →