Capire, condividere, liberarsi e scongiurare il peggio

Mettiamola così. Siamo già ben dentro una situazione prebellica, le condizioni ambientali del pianeta non sono buone, la distribuzione delle risorse è pessima, la rapacità delle classi dominanti aumenta. C’è da aspettarsi significativi progressi nei prossimi decenni? Direi di no. Piuttosto, un radicalizzarsi delle situazioni più gravi e una accelerazione dei processi degenerativi, senza escludere […]

Continue reading →

Il dovere di dire no

La giunta regionale sarda è in fibrillazione su una faccenda apparentemente minima: il nuovo inceneritore di Tossilo, presso Macomer. Una questione locale, dai risvolti tecnici e operativi misteriosi per la maggior parte dei sardi, che invece si sta rivelando praticamente e simbolicamente decisiva.

Continue reading →

Specialità e subalternità

Ci si ostina a rivendicare come una grande conquista da difendere la “specialità regionale” della Sardegna. E non si tratta di fedeltà a qualche pietanza tradizionale. È una faccenda tristemente politica. Si tratta della nostra autonomia dentro l’ordinamento giuridico italiano. A questo proposito mi vengono in mente le “classi differenziali”, dove si radunavano disabili e […]

Continue reading →

Se la Storia chiama, bisogna rispondere

La questione dell’autodeterminazione della Sardegna entra in una fase di estrema urgenza. I venti di guerra che soffiano alle frontiere dell’Europa arrivano direttamente sull’isola, sotto forma di asservimento militare: uno degli elementi chiave che mostrano impietosamente come stiano le cose. L’opinione pubblica è in gran parte sedata; l’ambito intellettuale sardo è in larga parte organico […]

Continue reading →

Minacce forti, reazioni deboli, disastro incombente

Siamo in un momento storico delicato. Gravi minacce incombono sulla Sardegna e sui sardi, come ormai da più parti viene rilevato. Minacce economiche e sociali, minacce demografiche, minacce ecologiche, minacce culturali. Molti fatti contribuiscono a una casistica impressionante, infittitasi negli ultimi anni e che adesso sembra subire una ulteriore accelerazione. Emblema di questa congerie di […]

Continue reading →

Se avessi previsto tutto questo…

Sta succedendo tutto secondo le previsioni. Problemi nei trasporti? No, tutto fila liscio. Questione energetica e industriale? Non pervenuta, adesso si parte con la chimica verde, siamo a posto. Corruzione e scandali politici? Tutto risolto. Il settore agroalimentare è allo sbando? Macché, non c’è nulla che non funzioni a dovere. Il mondo culturale è in […]

Continue reading →

Dipendentismo vs. autodeterminazione: risposta a un tentativo di normalizzazione

Con un articolo uscito sul sito Sardegnasoprattutto il professor Pietro Ciarlo entra nel dibattito politico in corso cimentandosi in una difesa appassionata e generosa dello stato italiano unitario contro la propettiva politica dell’autodeterminazione e dell’indipendenza della Sardegna. Difesa appassionata e generosa, ma – è necessario dirlo – del tutto inaccettabile quanto a impostazione e argomentazioni […]

Continue reading →

Niente autodeterminazione senza la sconfitta del dipendentismo

La retorica del “tutti sono uguali” è una retorica distruttiva e alla fine reazionaria. Il qualunquismo è una brutta bestia e ci mette un attimo a mostrarsi per quello che è: fascismo dissimulato. Nella ignoranza diffusa, le semplificazioni emotive hanno vita facile. Togliere strumenti critici alle masse, impoverire la cultura politica della cittadinanza, indebolire la […]

Continue reading →