Coscienza di sé o estinzione

Vedo un servizio di telegiornale sardo, dedicato allo sciopero della scuola (sacrosanto), e sento in sottofondo alla manifestazione l’inno di Mameli. Leggo scandalo e allarme a proposito della mancata partecipazione della Brigata Sassari alla parata militare del 2 giugno, a Roma. Vengo informato che per l’imminente chiusura della campagna elettorale arriveranno in Sardegna esponenti politici […]

Continue reading →

Insularità, chi l’avrebbe mai detto?

Non ho mai letto qualcosa a proposito dello svantaggio di essere un’isola del Mediterraneo fino a che la Sardegna non è diventata italiana. Mariano IV non sembra annettesse all’insularità alcuna rilevanza particolare, e di certo nel XIV secolo non avevano i mezzi che abbiamo oggi. Giovanni Maria Angioy, nel suo Memoriale, anno 1799, parla della […]

Continue reading →

Il colonialismo buono non esiste, ma…

La sfortuna della Sardegna è stata di essere un possedimento italiano anziché di qualche potenza coloniale seria. Se pensiamo alla possibilità che fosse occupata dai britannici, durante le guerre napoleoniche (come auspicava e chiedeva l’ammiraglio Nelson), ci rendiamo conto che non si tratta di una ipotesi peregrina, e il rammarico aumenta.

Continue reading →

Scuola e dipendentismo

Suscita un certo malumore la decisione della Giunta Pigliaru di non impugnare la legge sulla cosiddetta Buona scuola. La mobilitazione degli insegnanti sardi lasciava supporre a qualcuno che il governo regionale sarebbe stato in prima linea contro questa normativa statale. Pura illusione.

Continue reading →