L’ignoranza di sé genera mostri

Regolarmente, in occasione del trittico di festività tra 25 aprile e Primo maggio, si generano in Sardegna cortocircuiti politici significativi. L’inserimento tra la celebrazione italiana (il 25 aprile) e quella internazionale (il Primo maggio) di una festività tutta sarda (il 28 aprile, Die de sa Sardigna) fa emergere tutte le contraddizioni e i controsensi della […]

Continue reading →

La festa, la storia, il senso di sé

Ho come la sensazione che a molti dispiaccia sotto sotto che anche quest’anno ci tocchi celebrare la ricorrenza del 28 aprile. Sa Die de sa Sardigna in questo momento sembra essere più un intralcio che un’occasione. Uno scomodo richiamo alla consapevolezza che in tempi di estrema debolezza economica, sociale e culturale disturba chi ha tutte […]

Continue reading →