Capire, condividere, liberarsi e scongiurare il peggio

Mettiamola così. Siamo già ben dentro una situazione prebellica, le condizioni ambientali del pianeta non sono buone, la distribuzione delle risorse è pessima, la rapacità delle classi dominanti aumenta. C’è da aspettarsi significativi progressi nei prossimi decenni? Direi di no. Piuttosto, un radicalizzarsi delle situazioni più gravi e una accelerazione dei processi degenerativi, senza escludere […]

Continue reading →

I pericoli della crisi

Come sempre accade nei periodi di crisi politica, economica e culturale, l’eventualità di un rimescolamento dei rapporti di forza produce azioni e reazioni di vario segno nel corpo sociale. Certe strutture di potere vacillano e finiscono per disgregarsi e nel vuoto che si apre si infilano altri soggetti, pronti a cambiare le carte in tavola, […]

Continue reading →

L’eterno ritorno dell’uguale

In giorni difficili e confusi bisognerebbe cercare di elaborare la complessità e renderla intellegibile, anziché aumentare la confusione. Invece all’inerzia dei podatari che governano la Sardegna per conto terzi si risponde con azioni inutili e controproducenti, come l’occupazione delle aule consiliari dei comuni o il blocco delle strade. Come se sabotare la già carente attività […]

Continue reading →

Vertenza Alcoa e crisi dei modelli dominanti: il dibattito è aperto

Il dibattito suscitato dalla (ennesima) vertenza Alcoa è stato animato recentemente da uno scambio di vedute, sulle pagine dei giornali, tra Francesco Pigliaru (economista, ex assessore regionale della giunta Soru), Antonello Cabras (senatore, ex presidente di regione, ecc., PD) e Paolo Maninchedda (presidente della Commissione Autonomia in consiglio regionale, PSdAz). I punti di vista sono […]

Continue reading →

Il coltello nella piaga

Sembra brutto rinfacciare ora che era già tutto scritto, che l’avevamo detto da un pezzo. Parlo della chiusura dell’ALCOA a Portovesme. Quel che ci sarebbe da fare è chiedere conto ai sindacati e alle forze politiche della loro sostanziale complicità in tutta la squallidissima operazione. Perché chi rappresenta i lavoratori e i cittadini sardi si […]

Continue reading →

Vasi di coccio e teste di…

I segnali della portata di questa sconvolgente transizione storica, in cui siamo chiaramente immersi, non sembrano scalfire l’andamento quotidiano della politica nostrana. Benché scossa dagli esiti elettorali e referendari, la classe dominante che mantiene opportunamente la Sardegna in condizioni di impoverimento economico e sociale non pare rendersi conto di quanto sta succedendo, né avere la […]

Continue reading →

Sovranità, indipendenza, interdipendenze

Il fallimento di fatto di uno stato europeo come la Grecia, quasi che fosse una azienda qualsiasi, per di più di modeste dimensioni, non è rilevante per le conseguenze sull’euro o sui crediti vantati verso lo stato ellenico da altri stati (Germania, ad es. ) o porzioni di altri stati (in Italia, la Lombardia). Benché […]

Continue reading →

Premonizioni

Gli eventi che scuotono la sponda sud ed est del Mediterraneo ci interrogano su molti fronti. Il Mediterraneo è in tutto e per tutto il mare nostrum: non perché ci appartenga, quanto perché noi apparteniamo ad esso, alla sua geografia, alla sua storia. Non è pensabile che quanto succede sulle sue sponde non ci riguardi […]

Continue reading →