Siamo un po’ greci anche noi

La domanda – una delle domande – da farsi a proposito della questione greca è perché la stampa italiana mainstream (telegiornali compresi) sia così compattamente schierata nel dipingere una situazione ellenica disperata, fuori controllo, col popolo a un passo dalla rivolta contro il suo governo, con le code ai bancomat come immagine simbolo della crisi. […]

Continue reading →

Lezioni da imparare

Un fantasma si aggira per l’Europa, è il fantasma del populismo. Sotto questa etichetta di comodo finiscono un po’ tutti i risultati elettorali che rompono lo status quo dell’establishment continentale, dalla vittoria di Syriza in Grecia, al successo dei nazionalisti polacchi a quello di Podemos e analoghi in Spagna.

Continue reading →

Capire, condividere, liberarsi e scongiurare il peggio

Mettiamola così. Siamo già ben dentro una situazione prebellica, le condizioni ambientali del pianeta non sono buone, la distribuzione delle risorse è pessima, la rapacità delle classi dominanti aumenta. C’è da aspettarsi significativi progressi nei prossimi decenni? Direi di no. Piuttosto, un radicalizzarsi delle situazioni più gravi e una accelerazione dei processi degenerativi, senza escludere […]

Continue reading →

Autodeterminazione vs. cleptocrazia

Nel continuo gioco tra fattori storici (condizioni ambientali, demografia, tecnologia, stratificazione culturale, accidenti politici) si creano situazioni di equilibrio o di conflitto a seconda che alcuni fattori o un fattore in particolare prevalgano sugli altri. L’equilibrio è sempre temporaneo, ma può essere accentuato dal fatto che le soluzioni praticate in certi casi si rivelino particolarmente […]

Continue reading →