Coscienza di sé o estinzione

Vedo un servizio di telegiornale sardo, dedicato allo sciopero della scuola (sacrosanto), e sento in sottofondo alla manifestazione l’inno di Mameli. Leggo scandalo e allarme a proposito della mancata partecipazione della Brigata Sassari alla parata militare del 2 giugno, a Roma. Vengo informato che per l’imminente chiusura della campagna elettorale arriveranno in Sardegna esponenti politici […]

Continue reading →

Il danno e la beffa dei miti ipocriti

È significativo che in Italia si celebrino insieme l’Unità dello stato e le forze armate. Al solito, in questo paese ipotetico, prevalgono la retorica sulla memoria, la narrazione tecnicizzata sull’onesta contabilità storica. Cosa ci sia da festeggiare in una faccenda così dolorosa e piena di violenza come l’unificazione italiana può saperlo solo chi da tale […]

Continue reading →

La memoria e il rispetto

Probabilmente a molti sardi avrà fatto piacere la vista della Brigata Sassari in testa al corteo militare del 2 giugno. Una festa della Repubblica italiana davvero fuori luogo e anche alquanto inquietante, se solo si pensa alle condizioni della festeggiata.

Continue reading →

Sacrificio sbagliato

Fuori dal circuito mediatico dominato dalla televisione, non ha mancato di suscitare discussioni la decisione dell’Ufficio scolastico regionale di organizzare insieme alle forze armate un’iniziativa di propaganda militare: far spedire ai ragazzi delle scuole medie una lettera di Natale ai soldati sul fronte afghano. Un modo come un altro per inculcare l’idea malsana che siamo […]

Continue reading →

Santi e guerrieri

Sono in pena per tutti i devoti sardi che ieri (1° maggio 2011), beatamente indifferenti alla festa del lavoro, sono stati invece costretti a scegliere tra l’eccezione e la tradizione: assumersi l’onere del viaggio a Roma per presenziare alla beatificazione del papa polacco o non mancare all’ineludibile celebrazione del santo guerriero nostrano? Karol Wojtyla versus […]

Continue reading →