Minacce forti, reazioni deboli, disastro incombente

Siamo in un momento storico delicato. Gravi minacce incombono sulla Sardegna e sui sardi, come ormai da più parti viene rilevato. Minacce economiche e sociali, minacce demografiche, minacce ecologiche, minacce culturali. Molti fatti contribuiscono a una casistica impressionante, infittitasi negli ultimi anni e che adesso sembra subire una ulteriore accelerazione. Emblema di questa congerie di […]

Continue reading →

Gli equivoci dell’autonomia

La parola autonomia in Sardegna è fonte di continue incomprensioni, vuoi per la congenita ambiguità semantica del termine, vuoi per mancanza di conoscenze storiche e/o giuridiche, vuoi per volontà di sviare il discorso da parte di chi ha voce in capitolo nel dibattito culturale e nei mass media.

Continue reading →

Niente autodeterminazione senza la sconfitta del dipendentismo

La retorica del “tutti sono uguali” è una retorica distruttiva e alla fine reazionaria. Il qualunquismo è una brutta bestia e ci mette un attimo a mostrarsi per quello che è: fascismo dissimulato. Nella ignoranza diffusa, le semplificazioni emotive hanno vita facile. Togliere strumenti critici alle masse, impoverire la cultura politica della cittadinanza, indebolire la […]

Continue reading →

Le colpe degli altri

Negli ambienti politici sardi va di moda un nuovo termine: sovranismo. Improvvisamente, le forze politiche che – con alcuni mutamenti di nome, ma ben pochi nelle persone – hanno gestito le sorti della Sardegna negli ultimi vent’anni pare abbiano scoperto quanto cattiva è ed è stata l’Italia nei nostri confronti. Da ciò il profluvio di […]

Continue reading →

Mors tua o vita mea?

Un atteggiamento equivoco si manifesta sempre più spesso e più apertamente tra noi sardi, italiani “speciali”. Constatata la condizione di decadenza e di prevedibile fallimento sociale, economico e finanziario (oltre che morale, ma di questo chi si interessa realmente?) dell’Italia, molti di noi vanno asserendo la necessità di sganciarci dalle sue sorti terribili e regressive […]

Continue reading →

La storia siamo noi

Una classe politica votata alla mediazione col potere centrale, a protezione di privilegi suoi e altrui. Le risorse del territorio appaltate o cedute al controllo forestiero, per lo più di natura parassitaria e speculatrice. Disagio sociale, inadeguatezza dei salari al costo della vita e costante ricatto occupazionale come garanzia di condizioni lavorative scadenti. Controllo dell’informazione […]

Continue reading →

Faber est suae quisque fortunae

Facciamo attenzione a quel che succede, gente, perché se ne vedono delle belle! Tra oggi e martedì prossimo il governo italico deciderà sulla sorte del comparto industriale petrolchimico sardo. Il presidente della giunta regionale, con tutto il suo innato carisma, si presenterà oggi stesso a Roma, a pietire dai padroni della derelitta bagnarola italica – […]

Continue reading →