Mobilitazioni popolari e loro interpretazione, tra dogmatismi, paure ed equivoci

Devo tornare sul tema affrontato nell’ultimo pezzo, qui su SardegnaMondo. Lo faccio, perché, negli stessi giorni e quasi nelle stesse ore, si sono moltiplicati gli interventi sul medesimo tema, ma – mi pare – spesso con vistosi limiti di visione e anche di metodo. Nessuno può negare la singolare concomitanza di una serie di proteste […]

Continue reading →

Politica in Sardegna. Se vuoi cambiarla, devi cambiare il modo di fare politica: modelli organizzativi e di leadership a confronto

Uno dei motivi per cui la Sardegna non riesce a trovare un’alternativa credibile all’apparato colonial-clientelare dominante è che sono troppo labili e vaghi i confini etici, teorici e pragmatici tra i diversi modelli di processo decisionale e di leadership in campo. Mi spiego. Possiamo ricondurre essenzialmente a due le diverse forme di organizzazione e di […]

Continue reading →

Il mondo della cultura, della letteratura, dell’arte e dello spettacolo a sostegno della battaglia civile sulle servitù e le attività militari in Sardegna

Non sempre è facile mobilitare intellettuali, artisti, gente del variegato mondo della cultura, a sostegno di battaglie civili e politiche complesse, ostiche, non molto glamour come questa. In questo caso, tante persone, non solo sarde, hanno mostrato un’immediata adesione a un appello che non vuole esaurire il problema dell’asservimento militare della Sardegna né limitarsi a […]

Continue reading →

Per sottrarsi al dominio bisogna sconfiggerne l’egemonia: verso una via sarda alla democrazia (2/2)

La Sardegna, oltre al primato delle aree adibite a usi militari dell’intero territorio statale (circa il 60%) e a quello delle aree inquinate da bonificare (Aree SIN, ecc.), vanta anche il primato di suicidi e di uso di antidepressivi. E anche quanto a ludopatia non siamo proprio agli ultimi posti. Non so questi dati siano […]

Continue reading →

Uno sguardo nostro sul mondo: la Sardegna e la politica internazionale

Uno degli elementi indicativi della nostra condizione provinciale subalterna è l’assenza dal dibattito pubblico sardo dei temi internazionali. Ciò che trova spazio a livello di mass media è totalmente filtrato dall’organizzazione delle informazioni e del sapere italiana (giornali, tv, esperti di politica estera). Il che implica che anche lo sguardo con cui guardiamo alle cose […]

Continue reading →

Greta, il futuro e noi

Sì, noi. Tutti noi. La vagonata di complottismi da quattro soldi, ma persino le critiche più ponderate, riversati sulle grandi manifestazioni di venerdì 15 marzo non possono nascondere una verità: abbiamo un grosso problema e non lo stiamo affrontando. In molti hanno provato a spostare il focus su Greta Thunberg, diventata da promotrice a icona, […]

Continue reading →

La politica sarda e la questione dell’autodeterminazione dopo le elezioni

Il post elezioni in Sardegna non sembra aver suscitato particolari riflessioni, tanto meno analisi ponderate e opportunamente contestualizzate. Al solito, inutile aspettarsi qualcosa dalla stampa sarda, per altro largamente schierata a favore della compagine di “centrosinistra” e del candidato Massimo Zedda. La sconfitta di quest’ultimo, a dispetto di tale sostegno mediatico (e di un certo […]

Continue reading →

Pastori, autonomia regionale, Catalogna, Europa: connessioni e silenzi

La campagna elettorale sarda sta mettendo in evidenza alcuni fattori decisivi della nostra sfera politica e sociale. La persistenza di problemi strutturali mai risolti (leggi: mai voluti risolvere); la mediocrità della nostra classe politica e dirigente in generale; il prezzo altissimo che dobbiamo pagare per la cappa ideologica e tematica imposta dall’egemonia politica italiana nell’isola; […]

Continue reading →

I pastori in lotta, il Cagliari calcio e i problemi strutturali irrisolti della Sardegna

Una scena difficile da giudicare. Io onestamente provo grande disagio. Che la situazione delle campagne sarde sia ciclicamente esplosiva dovremmo saperlo. Paghiamo problemi strutturali datati, che la politica non ha mai risolto. Forse perché non ha interesse a risolverli. La politica sarda, quella coloniale, padronale, clientelare, ha tutto l’interesse a mantenere intere fasce di popolazione, […]

Continue reading →