La storia è politica?

Il pezzo qui dedicato a NurNet ha suscitato diverse reazioni. Naturalmente è sacrosanto che si discuta e ci si confronti ed anzi questo dovrebbe essere il senso di ogni intervento nella sfera del discorso pubblico. Noto tuttavia che in pochissimi casi e solo marginalmente si è entrati nel merito dei problemi sollevati. Sarà bene, dunque, […]

Continue reading →

Essenzialismi culturali, populismo e progetti politici opachi

Da circa un anno opera in Sardegna un’entità chiamata NurNet. Nata come operazione di raccolta e diffusione di immagini archeologiche sui social media, diventata una sorta di polo di attrazione per contestatori delle verità storico-archeologiche ufficiali, ha assunto nel corso dei mesi una dimensione tale da pretendere di avere voce in capitolo non solo su […]

Continue reading →

Raccontiamocela tutta

Non è una fine d’anno che ispiri ottimismo. Inutile elencare i motivi, sono tanti. Avevo perciò intenzione, sardomasochisticamente, di contribuire a mantenere elevato il livello di depressione commentando un paio di articoli usciti su altrettanti blog sardi in questi giorni. Riguardano temi consueti in questo spazio e sono di interesse generale, quindi niente di strano.

Continue reading →

Giganti e nani

Un simil referendum svolto su internet circa l’indipendenza del Veneto suscita allarme nel mainstream mediatico italiano. I tentativi di ridurne il significato si scontrano con alcuni dati sociologici e politici che invece avvalorano gli esiti dell’operazione. Il desiderio di distacco dall’Italia è alquanto diffuso, da quelle parti, e per ragioni non tutte contingenti.

Continue reading →

La storia, la lingua e la soggettività negata

Nei giorni scorsi ha avuto un certo riscontro mediatico la scelta di Google, nella sua applicazione cartografica (Google maps), di consentire la modifica dei toponimi della Sardegna. Con un rapido e capillare passaparola, che solo internet consente, moltissimi utenti hanno provveduto a modificare tutti i nomi di luogo sardi secondo la denominazione originaria.

Continue reading →

Ignorarsi ed essere ignorati

Nell’inserto culturale del Corriere della Sera di domenica 2 settembre si poteva leggere un pezzo di Carlo Vulpio sui Giganti di Mont’e Prama. Di per sé una evenienza significativa, dato che poche volte i mass media italiani prendono in considerazione la Sardegna se non a proposito di frusti luoghi comuni o di fatti di cronaca […]

Continue reading →

Rimozione forzata

A Sassari si può visitare quel che rimane del castello “aragonese”, edificio storico demolito alla fine dell’Ottocento, insieme a tanti altri in giro per la Sardegna. Allora sembrava necessario privarsi di queste memorie di un passato che non diceva più niente a nessuno, se non che forse avevamo una storia nostra da raccontare, se solo […]

Continue reading →

Ennesimo esempio

Tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare. Un po’ come tra la Sardegna e il mondo, si potrebbe dire. E invece no. Tra la Sardegna e il mondo c’è qualcos’altro. E non mi riferisco a “e il”, come cantava qualcuno. Tra la Sardegna e il mondo c’è di mezzo l’Italia.

Continue reading →