Leggere, capire, fare

I dati sulla lettura in Italia, pubblicati dall’Istat e ripresi da vari organi di informazione (come qui), hanno suscitato in Sardegna qualche sorpresa, dato che l’isola si colloca ben sopra la media generale dell’Italia. Lo stupore però è del tutto ingiustificato e i commenti orgogliosi sono fuori posto.

Continue reading →

Raccontarci storie, raccontarci storia

Gli studi storici hanno un risvolto metodologico e teorico che ne certifica lo status di disciplina scientifica, ma hanno anche un aspetto narrativo che ne contraddistingue gli esiti concreti. L’aspirazione alla credibilità e a un posto preminente nel novero delle scienze umane ha sempre animato gli storici contemporanei, facendo preferire loro l’insistenza sul primo fattore, […]

Continue reading →

Racconto: Cando si pesat su bentu

Parigi, primavera 1801 L’Esule guardava fuori dalla finestra, aperta su un panorama diseguale di case, fumo e cielo color indaco. Soppesava le parole appena sentite, le legava ad altre, le connetteva a immagini: una piazza stracolma di folla esultante; un campo desolato con le tracce fresche di uomini, animali e carri; l’oscurità di un bosco […]

Continue reading →

Grazia Deledda, emblema di un equivoco storico

Ricorre oggi l’anniversario del conferimento del premio Nobel a Grazia Deledda, nel 1926, evento tanto evocato quanto bistrattato della nostra memoria collettiva. Il riconoscimento internazionale pare aver fatto più male che bene alla considerazione diffusa della scrittrice nuorese, trattata spesso come un’usurpatrice di fama immeritata, o – dai sardi – come una traditrice della sua […]

Continue reading →