Chi informa l’informazione? Mass media, egemonia culturale e subalternità

Il problema dell’informazione, in Sardegna, è strutturale e non dà segni di miglioramento. D’altra parte, essendo i mass media sardi una versione provinciale di quelli italiani, non possono che patirne gli stessi mali, accentuati per di più dalla condizione periferica e subalterna. Che l’informazione italiana non stia benissimo non è un’opinione soggettiva, né una lamentela […]

Continue reading →

Mobilitazioni popolari e loro interpretazione, tra dogmatismi, paure ed equivoci

Devo tornare sul tema affrontato nell’ultimo pezzo, qui su SardegnaMondo. Lo faccio, perché, negli stessi giorni e quasi nelle stesse ore, si sono moltiplicati gli interventi sul medesimo tema, ma – mi pare – spesso con vistosi limiti di visione e anche di metodo. Nessuno può negare la singolare concomitanza di una serie di proteste […]

Continue reading →

La Storia non è finita: fermenti e lotte in tutto il mondo, aspettando la Sardegna

Per chi osserva le dinamiche storiche in corso senza farsi vincere dalle tentazioni dogmatiche, quel che sta succedendo in queste settimane non può essere una sorpresa. Abituati a scodinzolare dietro la cronaca, a rincorrere la mera – e spesso artefatta – attualità, a volte perdiamo di vista i fenomeni profondi, i processi reali. Dal Cile […]

Continue reading →

Dopo Capo Frasca: continuità e scelte nella lotta politica in Sardegna

Le migliaia di persone e le decine di sigle presenti sabato scorso a Capo Frasca sono state una testimonianza di sensibilità politica e civica significativa. Le cornici impiegate per riferire della mobilitazione e dei suoi risultati, tuttavia, soffrono di alcuni limiti che rischiano di sminuirne il senso. Alcune obiezioni di principio alla manifestazione non meritano […]

Continue reading →

Il servilismo interessato della classe dominante sarda, fattore storico contemporaneo dal costo insostenibile

Il passaggio cruciale della nostra epoca, la sua radice, è il periodo rivoluzionario. La sconfitta della parte più aggiornata e dinamica della società sarda di fine Settecento comportò la determinazione dello stile politico dei due secoli successivi. Sappiamo che nel 1799, in marzo, la corte sabauda dovette riparare a Cagliari, in fuga dalle armate francesi. […]

Continue reading →

Intervento a Radio Capital su Manifestazione del 12-10-2019 e servitù militari

Il 30 settembre scorso sono stato ospite del programma TG Zero, su Radio Capital. Il tema per cui sono stato invitato a intervenire era la questione delle servitù militari. Dopo l’uscita dell’appello del mondo della cultura e dello spettacolo a sostegno della manifestazione in programma il 12 ottobre 2019, si è accesa un po’ di […]

Continue reading →

Il mondo della cultura, della letteratura, dell’arte e dello spettacolo a sostegno della battaglia civile sulle servitù e le attività militari in Sardegna

Non sempre è facile mobilitare intellettuali, artisti, gente del variegato mondo della cultura, a sostegno di battaglie civili e politiche complesse, ostiche, non molto glamour come questa. In questo caso, tante persone, non solo sarde, hanno mostrato un’immediata adesione a un appello che non vuole esaurire il problema dell’asservimento militare della Sardegna né limitarsi a […]

Continue reading →

Per sottrarsi al dominio bisogna sconfiggerne l’egemonia: verso una via sarda alla democrazia (2/2)

La Sardegna, oltre al primato delle aree adibite a usi militari dell’intero territorio statale (circa il 60%) e a quello delle aree inquinate da bonificare (Aree SIN, ecc.), vanta anche il primato di suicidi e di uso di antidepressivi. E anche quanto a ludopatia non siamo proprio agli ultimi posti. Non so questi dati siano […]

Continue reading →

Per sottrarsi al dominio bisogna sconfiggerne l’egemonia: verso una via sarda alla democrazia (1/2)

Ci sono tante questioni aperte sul tappeto, in Sardegna, questioni che sembrano eterne e quasi irrisolvibili per loro natura. Oppure perché i Sardi, per un proprio difetto congenito, non sono in grado di risolverle. Almeno, questa è la spiegazione “ufficiale”. È la spiegazione di tutto l’establishment politico-affaristico (i Sardi come inconveniente, come “limite”). È la […]

Continue reading →

Negazionismo climatico, speculazioni e colonialismo in Sardegna

Oggi ho commentato una notizia che – come spesso accade, lo confesso – ho scovato tramite i social. Sulle pagine della Nuova da qualche giorno è in corso un dibattito su questioni ambientali e questioni socio-economiche annesse. Un intervento in proposito dell’ex sindaco di Oristano Guido Tendas (PD) ha suscitato la risposta pubblica, su Facebook, […]

Continue reading →