Dopo Capo Frasca: continuità e scelte nella lotta politica in Sardegna

Le migliaia di persone e le decine di sigle presenti sabato scorso a Capo Frasca sono state una testimonianza di sensibilità politica e civica significativa. Le cornici impiegate per riferire della mobilitazione e dei suoi risultati, tuttavia, soffrono di alcuni limiti che rischiano di sminuirne il senso. Alcune obiezioni di principio alla manifestazione non meritano […]

Continue reading →

Politica in Sardegna. Se vuoi cambiarla, devi cambiare il modo di fare politica: modelli organizzativi e di leadership a confronto

Uno dei motivi per cui la Sardegna non riesce a trovare un’alternativa credibile all’apparato colonial-clientelare dominante è che sono troppo labili e vaghi i confini etici, teorici e pragmatici tra i diversi modelli di processo decisionale e di leadership in campo. Mi spiego. Possiamo ricondurre essenzialmente a due le diverse forme di organizzazione e di […]

Continue reading →

Il servilismo interessato della classe dominante sarda, fattore storico contemporaneo dal costo insostenibile

Il passaggio cruciale della nostra epoca, la sua radice, è il periodo rivoluzionario. La sconfitta della parte più aggiornata e dinamica della società sarda di fine Settecento comportò la determinazione dello stile politico dei due secoli successivi. Sappiamo che nel 1799, in marzo, la corte sabauda dovette riparare a Cagliari, in fuga dalle armate francesi. […]

Continue reading →

Intervento a Radio Capital su Manifestazione del 12-10-2019 e servitù militari

Il 30 settembre scorso sono stato ospite del programma TG Zero, su Radio Capital. Il tema per cui sono stato invitato a intervenire era la questione delle servitù militari. Dopo l’uscita dell’appello del mondo della cultura e dello spettacolo a sostegno della manifestazione in programma il 12 ottobre 2019, si è accesa un po’ di […]

Continue reading →

Il mondo della cultura, della letteratura, dell’arte e dello spettacolo a sostegno della battaglia civile sulle servitù e le attività militari in Sardegna

Non sempre è facile mobilitare intellettuali, artisti, gente del variegato mondo della cultura, a sostegno di battaglie civili e politiche complesse, ostiche, non molto glamour come questa. In questo caso, tante persone, non solo sarde, hanno mostrato un’immediata adesione a un appello che non vuole esaurire il problema dell’asservimento militare della Sardegna né limitarsi a […]

Continue reading →

Per sottrarsi al dominio bisogna sconfiggerne l’egemonia: verso una via sarda alla democrazia (2/2)

La Sardegna, oltre al primato delle aree adibite a usi militari dell’intero territorio statale (circa il 60%) e a quello delle aree inquinate da bonificare (Aree SIN, ecc.), vanta anche il primato di suicidi e di uso di antidepressivi. E anche quanto a ludopatia non siamo proprio agli ultimi posti. Non so questi dati siano […]

Continue reading →

Per sottrarsi al dominio bisogna sconfiggerne l’egemonia: verso una via sarda alla democrazia (1/2)

Ci sono tante questioni aperte sul tappeto, in Sardegna, questioni che sembrano eterne e quasi irrisolvibili per loro natura. Oppure perché i Sardi, per un proprio difetto congenito, non sono in grado di risolverle. Almeno, questa è la spiegazione “ufficiale”. È la spiegazione di tutto l’establishment politico-affaristico (i Sardi come inconveniente, come “limite”). È la […]

Continue reading →

Negazionismo climatico, speculazioni e colonialismo in Sardegna

Oggi ho commentato una notizia che – come spesso accade, lo confesso – ho scovato tramite i social. Sulle pagine della Nuova da qualche giorno è in corso un dibattito su questioni ambientali e questioni socio-economiche annesse. Un intervento in proposito dell’ex sindaco di Oristano Guido Tendas (PD) ha suscitato la risposta pubblica, su Facebook, […]

Continue reading →