Punti di riferimento

In queste settimane si avvicendano alcuni anniversari significativi: quello della nascita di Antonio Gramsci (Ales, 22 gennaio 1891), quello della morte di Giovanni Maria Angioy (Parigi, 22 febbraio 1808) e quello della morte di Emilio Lussu (Roma, 5 marzo 1975). Accade tutti gli anni, ovviamente. La significatività di queste ricorrenze sta non solo e non […]

Continue reading →

Dipendenza, analfabetismo relazionale e democrazia

Un tratto distintivo della Sardegna contemporanea è la difficoltà ad affrontare i problemi senza scadere nella vacua polemica. Non è una caratteristica ancestrale dei Sardi, come qualcuno sostiene, bensì si tratta di un’acquisizione del tutto recente. È legata alla totale deresponsabilizzazione cui siamo stati esposti nel corso delle ultime generazioni, deresponsabilizzazione a sua volta discendente […]

Continue reading →

La scuola sarda e i (finti) rimedi peggio del male

Michelangelo Pira ipotizzava un modello di comunità fondato sulla scuola, dove la scuola non fosse un elemento separato dal resto, ma fosse uno spazio aperto di apprendimento, socializzazione e persino produzione. Teorizzava anche la “scuola impropria” quella congerie di pratiche, nozioni, forme di socializzazione che si apprendono dall’esperienza diretta a contatto con “i grandi”, sul […]

Continue reading →

Bandiere, politica e autocolonialismi

Fateci quello che volete, le cose peggiori possibili, ma non toccateci i nostri simboli e il nostro orgoglio!  Questa è una delle conclusioni cui si può giungere dopo alcuni singolari postumi sardi dell’elezione del presidente della repubblica italiana. Un’altra conclusione possibile è che l’apparato di potere proconsolare che domina l’isola abbia bisogno di trovare continue […]

Continue reading →

Il feticcio ideologico delle dominazioni straniere

L’elemento narrativo delle continue dominazioni, cui i Sardi si sarebbero dovuti piegare nel corso dei secoli, è una pietra miliare della nostra identificazione collettiva. Il nostro mito identitario si fonda in larga misura su di esso, sia nella sua versione più autocolonizzata (quella secondo cui siamo ineluttabilmente dei perdenti della storia), sia in quella edulcorata, […]

Continue reading →