Sapere poco, saperlo male

Il motivo per cui è così facile abbandonarsi ai luoghi comuni o alle tesi più avventurose, riguardo la Sardegna, è che ne sappiamo poco su troppe cose e quel poco che sappiamo lo sappiamo male. La scuola e i mass media hanno un peso notevole, in questa faccenda, ma essi, dopo tutto, maneggiano materiali che […]

Continue reading →

Rompere i circoli viziosi

I tempi del mondo sono diversificati, come insegnava Fernand Braudel. Spesso abbiamo la tentazione di correre appresso alla cronaca, irretiti dal sovraccarico di informazioni, riducendoci a una “corsa dei topi”, senza costrutto concreto. Bisogna sempre tenere d’occhio i processi profondi, di cui i singoli eventi sono degli inneschi o delle eruzioni superficiali. Il discorso vale […]

Continue reading →

La sentenza capitale sulla aspirante capitale

AGGIORNATO (Se hai già letto questo post, vai direttamente all’aggiornamento) Dice che ci sono rimasti male. Qualcuno aveva davvero sperato che Cagliari potesse essere promossa a “capitale europea della cultura” per il 2019, anno in cui tale ruolo spetterà all’Italia (sempre che esista ancora). La platea dei delusi è eterogenea: chi si aspettava di essere […]

Continue reading →

Per chi suona la campana a Kobane?

Le vicende del Kurdistan occidentale (Rojava) ci chiamano in causa prepotentemente. Non solo per la loro drammaticità, o per l’inerzia con cui la NATO (e in primis la Turchia) e in generale l’Europa e il cosiddetto Occidente assistono all’assedio di Kobane, ma anche, e in profondità, per il senso che ha avuto l’esperienza politica e […]

Continue reading →