L’altra metà del cielo è invisibile

Uno dei dati più significativi e meno sottolineati dell’ultima tornata elettorale aministrativa è stata l’elezione di tante donne alla carica di sindaco. Tante, in termini relativi, s’intende. Nondimeno, dato che di prime cittadine ce n’erano già diverse in Sardegna, sarebbe interessante sapere quante siano in totale e in percentuale assoluta e magari anche conoscere il […]

Continue reading →

Conclusioni controproducenti

Quando qualche settimana fa si muovevano obiezioni sui referendum “anti-casta” proposti e promossi dalla “casta” medesima, molti cittadini, non sempre in mala fede, si sono risentiti. Sembrava che smascherare l’operazione nella sua sostanza truffaldina compromettesse il libero esercizio del diritto di voto e la partecipazione democratica.

Continue reading →

Bruciarsi il cervello

Dubito che Ray Bradbury sapesse qualcosa della Sardegna e di quel che vi succede. E non credo che fosse in grado di decidere quando morire. Ma se ne avesse saputo qualcosa e fosse stato in grado di decidere, non avrebbe potuto scegliere giorno migliore per dare l’addio al mondo.

Continue reading →

Il vero debito

In tempi di slogan a base di spread, default e debito sovrano è facile perdere di vista la realtà. Ottenebrati dalla neo-lingua, continuiamo a scambiare per scienza un apparato di credenze mistiche fondate sulla fede che vi si ripone: libero mercato, crescita, politiche monetarie, pareggio di bilancio, homo oeconomicus, mano invisibile, keynesismo (neo- o post- […]

Continue reading →