L’eterno ritorno dell’uguale

In giorni difficili e confusi bisognerebbe cercare di elaborare la complessità e renderla intellegibile, anziché aumentare la confusione. Invece all’inerzia dei podatari che governano la Sardegna per conto terzi si risponde con azioni inutili e controproducenti, come l’occupazione delle aule consiliari dei comuni o il blocco delle strade. Come se sabotare la già carente attività […]

Continue reading →

Se non è emergenza questa…

Dati allarmanti dal mondo della scuola sarda. Un quarto dei nostri ragazzi abbandona precocemente gli studi, senza conseguire nemmeno un diploma superiore. Non è una novità, ma a metà degli anni 2000 la tendenza sembrava invertita: gli abbandoni scolastici, sempre alti in Sardegna, calavano. Merito anche di un’azione di governo regionale che finalmente metteva mano […]

Continue reading →

Vertenza Alcoa e crisi dei modelli dominanti: il dibattito è aperto

Il dibattito suscitato dalla (ennesima) vertenza Alcoa è stato animato recentemente da uno scambio di vedute, sulle pagine dei giornali, tra Francesco Pigliaru (economista, ex assessore regionale della giunta Soru), Antonello Cabras (senatore, ex presidente di regione, ecc., PD) e Paolo Maninchedda (presidente della Commissione Autonomia in consiglio regionale, PSdAz). I punti di vista sono […]

Continue reading →

Restare a galla aggrappati ai libri

Sede centrale del Consorzio di pubblica lettura S. Satta, Nuoro Affondano le navi da crociera e viene da pensare che ad ogni hubris umana corrisponda una giusta nemesi. E ci sembra di affondare un po’ anche noi. Non nelle belle acque mediterranee (laddove non siano ancora criminosamente inquinate, chiaramente), quanto nel fango. O peggio.

Continue reading →

Il coltello nella piaga

Sembra brutto rinfacciare ora che era già tutto scritto, che l’avevamo detto da un pezzo. Parlo della chiusura dell’ALCOA a Portovesme. Quel che ci sarebbe da fare è chiedere conto ai sindacati e alle forze politiche della loro sostanziale complicità in tutta la squallidissima operazione. Perché chi rappresenta i lavoratori e i cittadini sardi si […]

Continue reading →

Auguri 2012

In Sardegna l’anno della fine del mondo si annuncia – al solito – in modi paradossali. Un presidente della regione rinviato a giudizio (solo?) per abuso d’ufficio resta saldo al suo posto, mentre qualcuno dei nostri valenti capitani d’industria pensa bene di licenziare tre giornalisti (tra l’altro di quelli bravi). (A questi ultimi va tutta […]

Continue reading →