Irresolutezze

Un editoriale di Giovanni Maria Bellu, su Sardegna24, solleva la questione della nostra identità irrisolta, mettendola opportunamente in relazione con un episodio di cronaca apparentemente minimo, ma decisamente significativo da vari punti di vista.

Continue reading →

Chi vive sperando…

La diffusa percezione, quasi istintiva, della gravità del momento, corroborata dalle notizie che i mass media italiani riversano confusamente sulla popolazione, produce uno stato di stordimento sospeso, un’anestesia delle capacità di giudizio. È come se per un attimo ci si chiedesse se davvero ci troviamo nel bel mezzo di questo marasma, nella speranza recondita che […]

Continue reading →

Manipolazione ideologica

Tutto quello che pensiamo, crediamo, professiamo ha un’origine fuori di noi. Non esiste sentimento, opinione o scelta che discendano dalla nostra volontà e dalla nostra sfera individuale. Come animali sociali, e animali sociali che hanno sviluppato un linguaggio verbale, le nostre stesse percezioni sono il risultato di vari elementi per lo più esogeni, originati fuori […]

Continue reading →

La sindrome del telespettatore

Tutti lì a seguire in tv gli sviluppi della crisi di governo italiana, a rimirare in stato di catatonia la congrega di cariatidi reazionarie che ha sostituito il circo di Arcore come se fosse un’epifania divina. Dico a noi, noi sardi italiani speciali. Che cavolo avrete da starvene lì incantati? Volete assistere in diretta al […]

Continue reading →

Le vie della civiltà

Navicella sarda esposta a Trento Una bella mostra allestita nel meraviglioso scenario del castello del Buonconsiglio di Trento è dedicata alle vie della civiltà nel Mediterraneo e fino all’Europa del Nord, tra protostoria ed età romana. Visitandola, seguendone il percorso sia visuale sia narrativo, ci si può fare un’idea abbastanza precisa di quella lunga epoca.

Continue reading →